Effetto Covid: a maggio meno morti e più risparmi rispetto al 2019

178

Mortalità in controtendenza rispetto lo scorso anno.

Secondo il rapporto Istat-Iss sull’impatto del Covid-19 sulla mortalità, a maggio sono terminati gli “eccessi di mortalità” dei mesi di marzo e aprile 2020, “grazie alle misure di prevenzione non farmacologiche messe in atto”, e i decessi sono addirittura scesi sotto la media degli anni precedenti.

A livello nazionale, infatti, i decessi totali del mese di maggio risultano lievemente inferiori alla media dello stesso mese del periodo 2015-2019 (47.100 nel 2020, -2,2%), a fronte di un incremento del 49,4% di marzo 2020 (82.260 deceduti) e del 36,6% di aprile (67.135), i mesi più drammatici dell’emergenza coronavirus.

A fronte di una diminuzione di mortalità si registra, invece, un incremento dei risparmi nelle tasche degli italiani.

Il 68% ha paura per la situazione economica familiare, anche se le entrate del 71% dei percettori di reddito non sono state intaccate durante la fase più acuta dell’epidemia di Coronavirus.

Questo ha portato ad un boom del risparmio: il 39% dei cittadini è riuscito a mettere da parte soldi e la liquidità delle famiglie è aumentata di 34,4 miliardi di euro nei tre mesi più neri della pandemia.

Sono questi i dati principali che emergono dal rapporto “Il valore della diversità nelle scelte d’investimento prima e dopo il Covid-19”, realizzato dal Censis in collaborazione con Assogestioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui