Obiettivo del commissario provinciale di Forza Italia: i tre partiti uniti sotto un progetto civico

Elezioni di primavera, Di Sorte: “I candidati del centrodestra? Usciranno dopo le festività natalizie”

256

A poco più di un mese dal suo insediamento come commissario provinciale di Forza Italia, Andrea Di Sorte si trova alle prese con un compito impegnativo.

A primavera una ventina di Comuni della Tuscia andranno al rinnovo e al commissario tocca il delicato incarico, non solo di tirare le fila della situazione interna al suo partito nelle diverse realtà locali, ma anche di trovare la quadra con le altre forze di centrodestra per arrivare coesi alla definizione di liste e candidati a sindaco.

E le manovre in vista dell’appuntamento elettorale sono già iniziate, come conferma lo stesso Di Sorte.

“Ci stiamo muovendo in tutti i Comuni che vanno al voto. Cercando, laddove governiamo e siamo uscenti, di ricomporre il quadro e, dove non lo siamo, di individuarne uno nuovo”.

Poi spiega il ragionamento su cui si incardina la sua strategia.

“Nei Comuni più grandi, quali Vetralla, Acquapendente, Orte, Montefiascone, l’obiettivo di Forza Italia è quello di ricomporre il centrodestra in chiave civica perché non credo che presenteremo i simboli di partito. Sotto un progetto civico il centrodestra, secondo me, deve essere unito. E questo è il nostro intento. Nelle municipalità più piccole, dove l’elemento civico è predominante, cercheremo anche lì di comporre un quadro che sia sempre in ambito di centrodestra ma molto è delegato al territorio perché ci sono delle situazioni locali che devono poter gestire in autonomia. Però noi – assicura – siamo sul pezzo, seguiamo tutte le vicende, facciamo incontri”.

Incontri che, a breve, si terranno anche tra i segretari degli altri partiti di centrodestra per fare il punto della situazione.

“A livello locale si svolgono già da qualche settimana mentre a livello provinciale, da quando sono io commissario, non si è riunito alcun tavolo. Però c’è l’intento di vederci presto. Probabilmente già dalla prossima settimana”.

“Ormai, a differenza degli anni passati in cui la campagna elettorale durava 6-7 mesi, i tempi si sono talmente ridotti che, con molta probabilità, – rivela Di Sorte – i candidati saranno resi noti già dopo le festività natalizie”.

“Sperando che questo Governo ci mandi a votare” chiosa.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui