EMERGENZA RIFIUTI. PREPARIAMOCI A RESPINGERE L’ASSALTO DI ROMA

370

C’è da giurare, e c’e da temerlo. Il neo-sindaco di Roma Gualtieri parte lancia in resta per risolvere – o comunque rabberciare – la cronica emergenza rifiuti della capitale guardando, come al solito, ai comuni vicini.

Il direttore Giovanni Masotti

L’amministrazione capitolina uscita dalle ultime elezioni da’ il via all’ assalto cominciando con Albano Laziale e Magliano Romano, che reagiscono immediatamente con manifestazioni e assemblee. Il nostro timore – visto quello che è accaduto nei recenti mesi che ci sono alle spalle – è che la famelica Roma si volga di nuovo verso la Tuscia per alleggerire i suoi annosi, pesantissimi, problemi. Gualtieri e company potrebbero approfittare della debolezza oggettiva che blocca Viterbo, priva in questa fase di un governo comunale e retta da un commissario prefettizio. Una condizione ideale per chi predilige il metodo della prevaricazione.

Il rischio di un colpo di mano c’è. Per questo bisogna prepararsi a reagire e a impedire l’ ennesimo assalto alle discariche gia’ strapiene del viterbese. Il nostro è solo un fantasioso sospetto? Non lo crediamo, visti i precedenti. Lo sforzo deve essere quello di respingere ogni prevedibile atto di forza che venga dalla capitale. Prepariamoci, dunque. Non prendiamo il pericolo sottogamba.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui