Emergenza scuola: a Viterbo mancano i docenti di sostegno per alunni disabili

A farne le spese sono in prima persona gli studenti con disabilità, che si ritrovano a cambiare periodicamente docente perdendo così il "rapporto umano".

1076
Gruppo di docenti al lavoro

Nelle scuole della provincia di Viterbo c’è grande carenza di insegnanti di sostegno. Per conoscere il problema più da vicino, ci siamo rivolti al professor Mirko Ottoni, che lavora da oltre vent’anni accanto ai ragazzi disabili dell’Istituto F.Orioli di Viterbo.

Secondo Ottoni, due sono le criticità principali nel mondo scolastico di oggi. “Il primo problema è la mancanza di docenti di sostegno specializzati – spiega – dato che, su ben 55 cattedre al momento disponibili nel nostro istituto, solo 33 sono occupate da insegnanti di ruolo con titoli”. L’altro “tasto dolente” riguarda la continuità. “Più del 50 % dei docenti che lavorano a fianco degli alunni disabili sono precari – continua il professor Ottoni – e il più delle volte non possono accompagnare i ragazzi per l’intero percorso scolastico. Questo è molto nocivo, perché il rapporto umano che si instaura nel tempo tra insegnante e alunno con disabilità è fondamentale”.

Attualmente, all’Orioli stanno aspettando 22 nuovi insegnanti di sostegno che possano occupare le cattedre “vacanti” e aggiungersi a quelli di ruolo al fianco dei 98 alunni disabili iscritti. “Il problema – dice Ottoni – è che si tratterà di docenti non specializzati, della seconda o terza fascia della graduatoria e, per di più, sprovvisti di titoli”. La situazione è da non sottovalutare, dato che l’anno scolastico è iniziato e molti ragazzi non si sono visti ancora assegnare un insegnante di sostegno personale.

Il professor Ottoni riscontra la stessa problematica anche negli altri istituti superiori di Viterbo. “Il Ministero affida un numero di docenti alla provincia a settembre, e da anni ormai, al momento di essere divisi nelle varie scuole, ci troviamo a dover sopperire a questo grave deficit le cui ‘vittime’ sono, in primo luogo, gli alunni con disabilità”.

Aula dell’istituto Orioli di Viterbo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui