aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Terminano 1-1 le Regionali, con il Governo Conte che resta appeso a un filo

Emilia, PD salvato dalle Sardine. Ma in Calabria è valanga Cdx

226

Ultimi momenti prima di scoprire la percentuale esatta, ma i giochi, in Emilia Romagna e Calabria sono già conclusi: mentre al nord la roccaforte rossa ha resistito all’assedio di Salvini grazie alle Sardine, al sud la “valanga azzurra” di Jole Santelli ha fatto incetta di voti, sfiorando il 60%.

Il Governo trema, ma non cede. L’Emilia Romagna ha infatti salvato Conte e Zingaretti, che superano il 50% con il candidato Stefano Bonaccini. Non pervenuto il M5S, che si ferma a un misero 3-4% con il solitario e abbandonato Simone Benini.

Tutt’altra storia in Calabria, dove il risultato della partita è esattamente l’opposto, con la stravittoria della Santelli e il PD fermo al 30%. Francesco Aiello (M5S) si è invece fermato sotto la soglia dell’8%.

Le piazze riempite in Emilia dalle giovani sardine di sinistra alla fine avuto la meglio, riuscendo a coinvolgere la popolazione che è tornata alle urne in massa per esprimere il suo voto. Al giovane leader antifascista Mattia Santori va infatti il merito, se non altro, di aver riportato l’affluenza alle urne quasi al 70% (66,7% per l’esattezza) in una regione che aveva ormai abbandonato l’idea di esprimersi (nel 2014 si era raggiunto appena il 37,76%).

“Per la prima volta c’è stata partita”, ha dichiarato il leader leghista Matteo Salvini poco dopo aver saputo il risultato. In effetti, è proprio una manciata di voti quella che ha separato il cdx dalla vittoria, nonostante tutta la sicurezza ostentata dal centrosinistra. Ora, però, è tempo di riorganizzarsi e comprendere quali siano le cose da cambiare all’interno del partito di centrodestra, che comincia a sentire l’assenza di un direttivo forte in grado di sostenere il suo leader.

Dello stesso parere del leghista, anche Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia: “Il confronto combattuto in Emilia-Romagna, in una regione governata da sempre dalla sinistra, è già una vittoria perché è un risultato che fino a pochi anni fa sembrava irraggiungibile”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui