Enel, preoccupazione per il dopo carbone. Oggi assemblea dei metalmeccanici

Alle 14 la Fiom Cgil e la Uilm Uil hanno convocato all’interno dell’impianto di Tvn, un’assemblea sindacale dei lavoratori metalmeccanici

431

C’è comprensibile preoccupazione tra gli oltre duecento lavoratori di Torre Valdaliga. Non è infatti solo l’indotto a temere per la mancanza di manutenzioni che sta costringendo le imprese a tagli del personale. Anche i dipendenti di Enel vedono, dalla chiusura della centrale a carbone nel 2025 e nel clima di incertezza su possibili riconversioni dell’impianto, traballare i loro posti. In centrale si parla già da settimane della decisione di mandare ad altri impianti i più giovani, quelli cioè con meno anni di servizio. E gli altri? Chi non raggiunge ancora l’età pensionabile, che fine faranno. Domande a cui dovrà rispondere la spa elettrica e la politica cittadina e nazionale. Intanto per questo pomeriggio alle 14 la Fiom Cgil e la Uilm Uil hanno convocato all’interno dell’impianto di Tvn, un’assemblea sindacale dei lavoratori metalmeccanici. «Torneremo a discutere con i lavoratori – hanno spiegato i sindacati – delle prospettive per l’indotto metalmeccanico su Tvn e delle iniziative da mettere in campo a tutela dell’occupazione».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui