Sollecita un consiglio straordinario con la presenza dei politici regionali

Ennesimo allarme rifiuti, Marini denuncia: “La Regione intenzionata a incrementare i carichi su Viterbo”

143
Viterbo
Il Comune di Viterbo

“La Pisana sembra abbia intenzione di aumentare il flusso dei rifiuti a Viterbo”.

L’ennesima allerta immondizia per la nostra città arriva dal capogruppo comunale Fi e consigliere provinciale, con delega all’Ambiente, Giulio Marini durante i lavori dell’odierna seduta a Palazzo dei Priori.

“Una situazione insostenibile” tuona e sollecita il sindaco Arena a intervenire nei confronti della Regione.

Marini chiede anche la convocazione di un consiglio straordinario a cui siano presenti, non come accaduto in precedenza, anche gli esponenti politici regionali.

Luisa Ciambella, consigliera dem che da tempo porta avanti una battaglia sulla tematica, plaude anche se, rimarca, “in maniera tardiva perché la questione doveva essere affrontata con modalità e tempi diversi”.

Si associa comunque alla proposta del consiglio straordinario e sollecita Arena “a pretendere di sedere nelle commissioni di via della Pisana come fanno tanti altri Comuni che difendono il loro territorio e che ogni giorno pretendono di essere auditi e si confrontano con le istituzioni regionali. Cosa che finora a noi, forse figli

di un dio minore, non sembra essere concesso”. Arena assicura che “è una tematica che stiamo seguendo da vicino” e ricorda “noi ci siamo opposti con ricorsi al Tar sia sull’ampliamento della discarica che sulla nebulosità delle procedure tra Roma Capitale e la Regione”.

Auspica che il nuovo sindaco di Roma “abbia gli strumenti per invertire questa rotta” però aggiunge “sono realistico e non è che ci siano grandi possibilità di fare orientare anche la stessa Regione su nuove discariche sulla città di Roma”.

Considerazione che gli deriva dall’aver partecipato a seminari sulla tematica anche in altre regioni e “l’orientamento che emerge è quello di potenziare le discariche esistenti e non autorizzarne di nuove”.

Un orientamento che potrebbe essere un grande rischio per la nostra città, sottolinea. “Secondo questo tipo di ragionamento, visto che il danno è stato fatto qui a Viterbo perché andarlo a fare anche da un’altra parte?”.

“Mi auguro – conclude il sindaco – che il consiglio straordinario possa portare chiarezza sul piano regionale rifiuti e sull’impiantistica. Dobbiamo chiarire perché questa servitù debba essere supportata soltanto dalla nostra provincia. E’ una problematica che deve essere equamente distribuita in tutta la regione”.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui