Esitazioni e ripensamenti: “Nun t’aregge chiu!…”. Non scherziamo sulla sicurezza

Quanto deve continuare 'sta giungla? Si prenda una buona volta il toro per le corna. Si tirino fuori gli attributi

719
viterbo-mancini-centro

Titubanze e consulta qua-consulta là: “Nun t’aregge chiu!”. Esitazioni e retromarce e giravolte: “Nun t’aregge chiu!”. Commissioni e sottocommissioni: “Nun t’aregge chiu”. Verticioni di maggioranza e bastoni tra le ruote dall’ opposizione: “Nun t’aregge chiu!”. Teatrini e ponza che ti riponza: “Nun t’aregge chiu!”.

Basta, signori miei di Palazzo dei Priori e augusti storici dintorni… Datevi una mossa! Battete un colpo! Riscuotetevi dal letargo con un robusto getto d’acqua gelido-stimolante! Fatevi ‘na curetta a base di magnesio e potassio! Ma, Dio caro, DE-CI-DE-TE!!! Ancora non ve la siete fatti un’idea di quanto la città si sente insicura?! Ancora non vi siete resi conto di quanto la gente è incazzata?! Stufa e orripilata dal leggere o assistere – tutti i santi giorni – a violenze, aggressioni, talvolta purtroppo omicidi, prepotenze, scippi, risse… Timorosa – la sera e non solo – di imbattersi in qualche malintenzionato, ubriaco o drogato, magari col coltello in tasca… Individui dal comportamento incontrollabile… Una parola, una lite e può accadere di tutto. E per cinquanta euro si può arrivare a tutto… E, allora? Quanto deve continuare ‘sta giungla? Si prenda una buona volta il toro per le corna. Si tirino fuori gli attributi. Si sia meno attenti di dispiacere a questo o a quello. Ci si preoccupi di più della comunità e meno del “particulare”! E si facciano le cose! Si facciano…

‘Sto benedetto “coprifuoco” si attui! Ma con i giusti correttivi proposti dalle associazioni di categoria per quei locali che si forniscano – lo si verifichi, naturalmente – di “vigilantes”. Nel week-end, ok, aperti fino alle 2. Ma a precise condizioni. E non si dimentichino le due misure su cui la Lega viterbese – il senatore Fusco e il giovane Micci, soprattutto – stanno insistendo da settimane e settimane: telecamere di sorveglianza, forza, un piano! Più presidio del territorio. E anche – con questo obiettivo –  convenzioni con le Associazioni d’ Arma, che forniscono indiscutibili garanzie. Si smetta di temporeggiare! Non daremo tregua sulla sicurezza. Fino ad ottenere dei risultati. Sicuri di essere compresi dai nostri lettori. Andremo avanti, con le nostre deboli forze… Ma sicuri di avere ragione.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui