Testimonianza in diretta... seconda parte!

Falò di Ferragosto… chi ha venduto gli alcolici ai minorenni? Ecco la triste verità…

Un triste panorama per chi ha vissuto con i propri occhi quella devastante notte e si domanda: "Apocalisse? Macché...la perdita della speranza...se non si cambia..del futuro..del nostro futuro!"

0
915
Sporcizia e bottiglie davanti ad un noto locale del litorale

Dopo gli aneddoti di Ferragosto presso il litorale di Montalto non siamo stati fermi in questi giorni nel domandarci come i giovani si siano procurati l’alcool. Chi ha vissuto quei momenti drammatici della vigilia di Ferragosto raccontati dai nostri occhi giovedì mattina ha voluto approfondire tra ricordi e testimonianze.

Litorale di Montalto durante la notte del 14 Agosto

Sicuramente, come qualche nostro lettore, i commercianti e i gestori dei vari stabilimenti balneari e alcuni bar hanno venduto tutte quelle bevande ai giovani senza chiedere il dovuto documento anche se alla luce dei fatti la verità è questa: chi ha comprato l’alcool era maggiorenne che poi lo ha passato ai suoi amici/e. Altra questione che molte bottiglie di vino, birra, vodka e jin sono state trasportate da casa e comprate prima della “folle serata” nei supermercati.

Ma c’è  altro… per non farsi scoprire dalle forze dell’ordine l’alcool era stato travasato in bottiglie di plastica spacciandole per acqua,aranciata e gassosa. Questi aneddoti si erano già verificati in diverse serate chiamate “school party” in alcune discoteche del viterbese dopo che le proprietà dei locali avevano vietato la vendita degli alcolici ai minorenni come prevede la legge.

Alcune immagini del litorale alle ore 3 appena spente in alcune parti le luci

Sta di fatto che questi eventi tristi e drammatici stanno avvenendo più spesso mettendo in difficoltà la gestione delle serate o peggio ancora della reputazione del mondo giovanile. Le accuse possono essere fatte a chiunque ma purtroppo è questa generazione che “viziata” da cattivi esempi televisivi,social,telefonini e noia che hanno fatto perdere la retta via. Questo nuovo modo di sembrare “fichi” sta invece compromettendo l’intera gioventù che tra poco ignora anche la scuola e l’educazione.

Un triste panorama per chi ha vissuto con i propri occhi quella devastante notte e si domanda: “Apocalisse? Macché…la perdita della speranza…se non si cambia..del futuro..del nostro futuro!”

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here