Polemiche e sguaiataggini al tradizionale concertone del primo maggio

Fedez accusa la RAI di tentativo di censura, fa la vittima e attacca a tutto spiano la Lega. Ma dov’è il pluralismo?

72

Quel furbacchione di Fedez, fuoriclasse dei rapper nonché marito della regina degli influencer Chiara Ferragni, ha trovato l’ ennesimo modo per salire nell’ hit parade della notorietà e mettere nel sacco la RAI e la politica.

Il direttore di lamiacittanews.it Giovanni Masotti
Il Direttore Giovanni Masotti, foto di Erika Orsini

Tutto grazie alla sua partecipazione al decaduto “concertone” del primo maggio organizzato da Cgil, Cisl e Uil. Già, perché il nostro onnipresente e milionario cantore e tuttologo è riuscito a provocare un goffo tentativo di censura preventiva del suo monologo da parte di Rai3, lo ha sventato e ha potuto dire in tutta tranquillità peste e corna dei leghisti avversari del ddl Zan, quello che si batte fieramente contro ogni discriminazione in tema di omosessualità e transessualita’. Fedez ha gridato alla compressione della libertà d’ espressione esercitata invano dalla RAI ai suoi danni. La RAI è caduta nella trappola tentando di edulcorare il testo del milionario mattatore. Fedez se ne è fregato ed ha sparato a pallettoni contro la Lega, che si è trovata a diventare protagonista involontaria dell’ happening gradito e voluto dalla sinistra e pagato 500 mila euro dai contribuenti. Ma Salvini non se l’è presa più di tanto, abituato com’è ad attacchi e crociate contro di lui. Si è limitato ad usare le armi dell’ ironia e ad invitare Fedez a prendere un caffè insieme per discutere di diritti e libertà, quelli veri. Del resto in quale altro modo avrebbe potuto controbattere a un evento storicamente servito a comunisti e alleati vari per progandare le loro idee? Ci domandiamo se sia giusto che un happening del genere, che dovrebbe unificare, possa essere ancora condotto e gestito sbracatamente e a senso unico. Il vero problema del concertone-comizio ci sembra questo, più che le farneticazioni di un Fedez qualunque.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui