Festa della Repubblica: cerimonia solenne in piazza dei Caduti

Anche Viterbo celebra la Festa della Repubblica.

496

Scrisse Marco Tullio Cicerone: “La res publica è cosa del popolo; e il popolo non è un qualsiasi aggregato di gente, ma un insieme di persone associatosi intorno alla condivisione del diritto e per la tutela del proprio interesse.”

Il senso civico ed etico nascono dentro di noi, ancor prima di essere sanciti dalla legge. Il 2 Giugno è festa nazionale perché si ricorda il referendum istituzionale che, dopo la Seconda Guerra Mondiale, il 2 e 3 giugno 1946, sancì la nascita della Repubblica. Fu una delle tornate elettorali più sentite della storia d’Italia, con un’affluenza alle urne dell’89% e con un risultato che si mantenne in bilico fino all’ultimo (12 milioni e 700 mila voti per la Repubblica, con una grande maggioranza al Centro/Nord e 10 milioni e 700 mila voti per la Monarchia, con una grande maggioranza al Sud).
Il 2 Giugno si ricorda quindi la nascita della Repubblica Italiana. Il voto, oltre a cambiare forma di governo, mise la parole fine al regno dei Savoia, la famiglia reale che aveva governato l’Italia fin dalla sua istituzione, nel 1861.

Oggi che succede? Ovviamente, è polemica e scontro anche su questa festa tra ministri ed ex generali che non saranno presenti alla consueta parata a Roma e chi ci sarà. Lo Stato Maggiore della Difesa è intervenuto con una nota:“Lo Stato Maggiore della Difesa si dissocia da ogni polemica o presa di posizione personale che possa minare la coesione politico-istituzionale necessaria per il regolare svolgimento dei compiti propri delle Forze Armate. Da 73 anni il 2 giugno testimonia la scelta di democrazia e libertà che fecero gli italiani. Le Forze Armate sono preposte a salvaguardare quella scelta e interpretano il proprio ruolo nel pieno mandato costituzionale. Il 2 giugno deve essere un giorno di festa. Anche quest’anno la rivista, con il tema dell’inclusione scelto dal Ministro della Difesa, vuole testimoniare come questa giornata rappresenti la festa di tutti, militari e civili che fanno parte delle componenti attive dello Stato, accomunati dagli stessi intenti e valori“.

Anche Viterbo celebra la Festa della Repubblica. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare alla cerimonia in piazza dei Caduti alle ore 10,30.
In piazza dei Caduti potrebbe verificarsi l’interruzione del traffico veicolare, sia la stamattina, dalle ore 10,30 fino al termine delle celebrazioni sia il pomeriggio, dalle ore 19 fino al termine della cerimonia dell’ammainabandiera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui