Fiera del Vino: tradizione e festa, ma tanto baccano! Scontro sui social: dormire o divertirsi?

Si sa, c'è chi la mattina va a lavorare e deve andare a dormire prestino, o chi si ritira magari verso le 22 per le proprie abitudini... Ma c'è anche chi vuole e può far tardi, approfittando legittimamente dell' occasione di una festa gioiosa che avviene una volta l'anno

1061
Libera Voce
Un mare di critiche e proteste sui social – ma anche di consensi – per la Fiera del Vino a Montefiascone. C’è chi “grida”, virtualmente, di far cessare il tipico e tradizionale evento clou della cittadina falisca, scrivendo per esempio: “Stop a musica e alcool a mezzanotte! Che la fate a fà… State a casa!”.

Immediatamente repliche e commenti che si dividono: chi difende a spada tratta la storica festa e chi, invece, spara a zero sul continuo baccano che ne scaturisce inevitabilmente.

“Mi sbaglio, o Montefiascone è un paese turistico? –  incalza un utente ‘pro’ fiera – Se sì (e mi risulta che sia così), gli orari estivi senza deroghe del Sindaco non sono per l’una? E che Montefiascone è destinato a rimanere un paese per vecchi rincoglioniti?”

Si sa, c’è chi la mattina va a lavorare e deve andare a dormire prestino, o chi si ritira magari verso le 22 per le proprie abitudini… Ma c’è anche chi vuole e può far tardi, approfittando legittimamente dell’ occasione di una festa gioiosa che avviene una volta l’anno.

“Non voglio fare polemica, però non pensate che c’è anche gente che abita proprio lì e che la mattina si alza presto per recarsi al lavoro e dunque vuole riposare in santa pace”, scrive un’altra utente sui social, a sua volta rintuzzata da un giovane incavolato: “Sono senza parole..C’ è qualcuno che ci sta tagliando le ali! Ma via…”.

Insomma, a chi dare ragione? Certo, il rispetto è una priorità: soprattutto per chi lavora l’ indomani mattina. Ma non dovrebbe esserci rispetto anche nei confronti di chi si sacrifica nell’organizzazione della fiera, con tutte le problematiche che essa presenta, dalla burocrazia all’ acconcia sistemazione del luogo e degli stand? Che la Fiera del Vino sia destinata in futuro a dover anticipare gli orari di chiusura, evitando la fine che ha fatto il “Summer Village” di Prato Giardino a Viterbo per le continue lamentele dei residenti, sembra abbastanza scontato. Nel 2009, nel capoluogo, venne a cantare Shaggy (il re del rapper mondiale), che si esibì appunto a Prato Giardino. Il concerto finì a tarda ora, le proteste fioccarono, e nella città dei Papi cessò il “grande” divertimento. Speriamo che non succeda così anche a Montefiascone… E che si trovi una soluzione equilibrata, che salvi un evento storico cui sarebbe un vero peccato rinunciare!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui