File chilometriche, malori e disorganizzazione: la disastrosa riapertura della motorizzazione

270

Finalmente la motorizzazione civile riapre i battenti, ma i malumori causati da un sistema organizzativo imbarazzante restano.

Sin dall’apertura infatti era presente una fila chilometrica che si prolungava fino alla metà del parcheggio, con molte persone costrette ad aspettare sotto un sole cocente.

Lo scorrimento della fila era molto lento, complice anche l’apertura di soli 4 sportelli su 7, che venivano spesso disertati dai vari impiegati che andavano a fare una pausa.

Poi, come se non bastasse un ragazzino ha perso i sensi a causa del caldo elevato, creando una stato di preoccupazione tra i presenti e soprattutto nel padre del ragazzo.

Molti dipendenti inoltre lasciavano trasparire nervosismo, erano infatti udibili delle urla tra gli impiegati presenti agli sportelli.

Anche prima della riapertura la disorganizzazione non è mancata, in quanto gli impiegati addetti all’accoglienza raccomandavano di mettersi in contatto tramite mail con gli uffici, poichè al tempo (Giugno) erano ancora chiusi.

Detto, fatto. Mail mandate (decine), risposte tardive o addirittura mai pervenute!

Si sta pensando ad una ripresa regolare delle attività della motorizzazione oppure la direzione presa è quella di un’organizzazione piena di lacune?

Non sarebbe meglio gestire gli sportelli con delle prenotazioni online? Onde evitare così i famigerati assembramenti che tanto spaventano?

Gli interrogativi sono molti, le risposte poche. E’ il momento di posare i bicchierini delle macchinette del caffè e darsi da fare, perchè la strada per migliorare i servizi è ancora molto lunga!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui