Fiom Cgil: ok al decreto sugli ammortizzatori sociali, ma non basta

Per Luigi D'Antonio Segretario Fiom Cgil Rieti-Roma Eva, la firma del decreto per gli ammortizzatori sociali inerente le aree di crisi complessa è una notizia positiva anche se c'è ancora da attendere la firma del Ministero dell'Economia e delle Finanze, l'ok della Corte dei Conti e poi il trasferimento delle risorse alle Regioni.

373
D'Antonio

Per Luigi D’Antonio Segretario Fiom Cgil Rieti-Roma Eva, la firma del decreto per gli ammortizzatori sociali inerente le aree di crisi complessa è una notizia positiva anche se c’è ancora da attendere la firma del Ministero dell’Economia e delle Finanze, l’ok della Corte dei Conti e poi il trasferimento delle risorse alle Regioni.
“Un iter questo – dice D’Antonio – che va accelerato per permettere poi ai 60000 lavoratori coinvolti in Italia, tra i quali oltre 300 reatini, di poter fruire della mobilità in deroga per l’anno 2019. Ricordo a tutti che parliamo di lavoratori che hanno perso il posto di lavoro sia nei grandi gruppi industriali presenti nel nostro territorio che nelle medie e piccole aziende e che ad oggi questo strumento rimane l’unico a sostegno del loro reddito”.
È evidente a tutti che gli ammortizzatori sociali non sono la soluzione al problema lavoro nel reatino.
Rieti è stata una delle prime aree di crisi complessa riconosciute in Italia e questo fu dovuto proprio alla situazione particolare che ha vissuto il nucleo industriale in questi ultimi anni con una vera e propria desertificazione.
“Questo strumento – riprende il segretario – doveva servire a ridare appetibilità al territorio dando sostegno alle aziende che erano interessate ad investire a Rieti.
Purtroppo, tranne qualche caso sporadico, ciò non è avvenuto e quindi siamo costretti ogni anno a rincorrere gli ammortizzatori sociali in deroga come unico strumento utile agli ex lavoratori della nostra area di crisi complessa.
Proprio per questo riteniamo che vadano fatti tutti gli sforzi possibili per riportare qualche insediamento industriale importante nel reatino, questo per dare risposta sia ai giovani che attendono un’occupazione che ai tanti ex lavoratori metalmeccanici che da anni attendono soluzioni alle loro vertenze.” Quindi, vanno bene gli ammortizzatori sociali per tamponare l’emergenza, ma quello che serve veramente al nostro territorio per ripartite è il LAVORO.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui