E' il bilancio delle attività dei Carabinieri Forestali nei primi sei mesi dell'anno

Fitofarmaci in agricoltura: 51 controlli, 15 verbali e una sospensione dell’abilitazione

145

51 controlli, un totale di 15 verbali amministrativi e una richiesta di sospensione dell’abilitazione all’uso dei fitofarmaci per un utilizzatore professionale.

E’ il bilancio dell’attività nel primo semestre di quest’anno dal gruppo Carabinieri Forestali di Viterbo.

Una campagna di controlli, che ha interessato l’intera provincia, finalizzata alla prevenzione e alla repressione di comportamenti non rispettosi della normativa che regola tempi e modalità di utilizzo dei fitofarmaci.

L’impiego di tali prodotti, qualora non avvenga secondo le norme di legge, può avere ricadute negative sull’ambiente e sulla salute umana.

Nel dettaglio degli interventi eseguiti per quanto riguarda la contestazione dei verbali amministrativi: 13 hanno rilevato il mancato rispetto delle distanze nell’uso dei fitofarmaci e dell’apposizione delle prescritte tabelle di segnalazione e 2 l’utilizzo di fitofarmaci senza certificazione abilitativa e senza la prevista annotazione, sul registro dei trattamenti, del prodotto distribuito in campo.

La richiesta di sospensione dell’abilitazione all’uso dei fitofarmaci per un utilizzatore professionale, che distribuiva il prodotto con rischio di fenomeni di deriva, è stata inoltrata alla Regione Lazio. Inoltre, nei suoi confronti, è scattata anche la segnalazione all’Autorità Giudiziaria per lesioni personali (art. 582 C.P.).

Le attività di verifica dei Carabinieri Forestali sull’uso sostenibile dei fitofarmaci in agricoltura, rivolte alla tutela della popolazione, dei consumatori e degli stessi operatori agricoli, sono tuttora in corso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui