Forno crematorio, le motivazioni dell’archiviazione

Due i punti principali con cui il pm Delio Spagnolo motiva il proprio decreto d’archiviazione sul forno crematorio.

340
civitavecchia 3

Privilegiato l’interesse pubblico e assenza di dolo, ma semplice errore, nella mancata autorizzazione paesaggistica. Questi i due punti principali con cui il pm Delio Spagnolo motiva il proprio decreto d’archiviazione sul forno crematorio.

“L’elemento soggettivo del reato – scrive il pm – sarebbe dovuto consistere nella volontà di realizzare un vantaggio ingiusto per l’Ati aggiudicataria e, tuttavia, appare evidente anche a voler ritenere esistenti i vizi della procedura lamentati dai denuncianti, che l’interesse principale perseguito dai soggetti che hanno condotto la procedura non può che essere stato l’interesse pubblico e cioè la realizzazione di un’opera pubblica di rilevante entità”. Il dottor Spagnolo poi spiega come si tratti di un mero errore invece il fatto che l’opera sia iniziata senza l’autorizzazione paesaggistica, in quanto c’era stato un parere della Soprintendenza ai beni archeologici, che venne confusa dal comune con la paesaggistica.

Sull’ipotesi di abuso edilizio invece, il pm spiega: “Appare dubbia la necessità del provvedimento dell’autorità amministrativa per costruzioni da realizzare all’interno di aree cimiteriali in quanto queste sono disciplinate dal regolamento di polizia mortuaria e dal piano regolatore. L’insieme di queste considerazioni porta ad escludere per assenza del relativo elemento oggettivo la configurazione dell’abuso edilizio”.

Di tutt’altro parere invece il legale dei comitati, l’avvocato Daniele Barbieri. “Restiamo increduli di fronte a quanto scritto dal pm nel decreto, afferma Barbieri. La motivazione del dottor Spagnolo non convince soprattutto rispetto a quanto scritto dal consulente nella relazione dove si parla chiaramente di illegittimità sia sul piano amministrativo che su quello del presunto abuso edilizio. Quindi siamo sempre più convinti di presentare istanza di opposizione all’archiviazione. Sarà poi il gip a decidere se proseguire l’inchiesta o meno”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui