Perplessità sulla moratoria regionale sulle rinnovabili: sospende l'iter autorizzatorio o le installazioni?

Fotovoltaico, giovedì si decide il futuro dei 100 ettari a Pian di Giorgio nei pressi di Ferento

140

Settembre rischia di essere il mese in cui il volto del territorio comunale di Viterbo verrà modificato per sempre.

Dopo il via libera alla realizzazione del biodigestore all’Acquarossa, ora incombe la possibile autorizzazione per un campo fotovoltaico nei pressi di Ferento.

Circa 100 ettari di terreno a Pian di Giorgio che diventeranno una grande distesa di pannelli di silicio, nonostante la prossimità di un’area archeologica e paesaggistica di pregio.

Il 30 settembre si terrà la terza, e decisiva, conferenza dei servizi e al momento l’unico attore ad aver espresso parere negativo è la Soprintendenza.

La Regione si è già pronunciata a favore e sembra intenzionato a fare altrettanto il Comune di Viterbo.

E la moratoria approvata dalla Regione in materia di rinnovabili, che prevede la sospensione fino al 30 giugno 2022 delle nuove autorizzazioni per la realizzazione di impianti eolici e fotovoltaici di grandi dimensioni, sembra si presti a interpretazioni diverse. Non sarebbe infatti chiaro se la moratoria blocchi i procedimenti o le installazioni.

Intanto, per quanto riguarda l’autorizzazione alla realizzazione del biodigestore all’Acquarossa, il comitato del No sembra intenzionato a rivolgersi al Tar o quanto meno è ciò che il presidente Giovanni Iannacco vorrebbe proporre agli altri imprenditori dell’area.

Anche se di fronte al via libera definitivo da parte della conferenza dei servizi il margine di manovra è davvero esiguo, se non inesistente.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui