I lavoratori: "Gioco al massacro, in cui a rimetterci siamo sempre noi!"

Francigena, 71 dipendenti rimasti senza stipendio. “Ora basta!”

262
francigena

Ora basta, le oo.ss. Uiltrasporti e Faisa-Cisal non ci stanno a questo gioco al massacro dove a rimetterci sono sempre i lavoratori.

E’ dal 1976 che il Comune di Viterbo provvede al servizio di trasporto pubblico locale attraverso una gestione diretta comunale prima, con il Servizio Autotrasporti Urbani Viterbo (S.AU.V.), e dal 2003 con la soc. Francigena srl e un fatto così grave non era mai accaduto.
Oggi, contrariamente a quanto avviene il giorno 27 di ogni mese, i 71 dipendenti della Francigena non hanno ricevuto la busta paga né hanno trovato sui loro conti bancari l’accredito dello stipendio.

Perché?
Nessuno dei lavoratori è in grado di dare una risposta, visto che la società datrice di lavoro non ha in alcun modo preavvisato né giustificato il grave inadempimento posto in essere, non ha convocato i rappresentanti sindacali per fornire ai lavoratori le informazioni normativamente dovute, né ha trasmesso alcuna comunicazione in merito.
Francigena s.r.l., semplicemente, non ha pagato le retribuzioni ai suoi dipendenti senza ritenere dovuto, o anche soltanto opportuno, motivare la sua condotta.

La gravità della situazione è evidente e le oo.ss. sono fermamente determinate ad intraprendere ogni azione necessaria alla tutela dei diritti dei lavoratori.

RSU Uiltrasporti RSU Faisa-cisal
Cerocchi Renato Fonti Luca

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui