Per l'assessore Contardo il trasporto scolastico e locale dovrebbero adeguarsi agli standard previsti. Frontini: "Si può pensare di reinternalizzare il servizio"

“Francigena, spese per il trasporto scolastico più alte che nel resto d’Italia”

69
contardo

Trasporto pubblico scolastico e locale, per l’assessore Enrico Maria Contardo i costi di gestione della Francigena srl – società partecipata del Comune di Viterbo – superano di gran lunga i benefici.

Questa mattina in Consiglio comunale l’assessore ha presentato la delibera per l’approvazione del piano operativo annuale (POA) 2021 di Francigena. Il Comune sta preparando un bando per individuare una società che possa provvedere al servizio, adeguandosi alla normativa vigente.

Come ha infatti sottolineato Contardo, “le spese per il trasporto pubblico scolastico sono decisamente più alte che nel resto d’Italia. Si parte da 1,50 euro di Perugia per arrivare a un massimo di 2 euro e 80 in altri comuni, mentre il servizio di Francigena è costato 3 euro e 40 al chilometro e la società ha dovuto versare ulteriori 78mila euro sul ramo d’azienda, con un costo finale che ha raggiunto i 4 euro/km. Inoltre i nostri mezzi hanno 20 o 30 anni e non tutti sono a norma. Gli autobus dovrebbero infatti essere tutti dotati di cinture di sicurezza e nel caso del trasporto scolastico prevedere la presenza di un accompagnatore. – ha aggiunto Contardo – La ditta che si assicurerà la gestione dovrà dotare la città di mezzi euro 6 di ultima generazione, in questo modo il servizio offerto ai cittadini e ai più piccoli sarà sicuramente migliore di quello attuale”.

Secondo Chiara Frontini (Movimento Viterbo 2020) e Alvaro Ricci (Pd) si potrebbe pensare di reinternalizzare il servizio, soprattutto per non lasciare a casa gli autisti, dipendenti comunali vincitori di concorso. “Francigena è un patrimonio del Comune che deve essere tutelato –  ha detto la Frontini – per questo presenteremo emendamenti alla delibera. La nostra strada è quella di invertire la rotta ed investire in maniera importante sulla società”.

Dal punto di vista dei lavoratori, il nuovo amministratore delegato di Francigena Francesco Serpa ha però sottolineato che “nessuno del personale verrà licenziato o mandato a casa”. I lavori del Consiglio proseguiranno anche nel pomeriggio con la discussione sul consorzio Apea.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui