I meloniani chiedono il blocco navale per fermare quello che sta diventando un serio problema di salute pubblica

Fratelli d’Italia fuori il centro di accoglienza di Orte per protestare contro l’arrivo dei migranti: “Blocco navale subito”

121

Se a Valentano sindaco e residenti festeggiano per aver scampato il pericolo, ad Orte i cittadini hanno ben poco da festeggiare. I migranti che erano pronti per essere ospitati a Valentano ora andranno per metà proprio ad Orte, l’altra metá a Proceno.

Fratelli d’Italia Viterbo ha deciso di radunarsi davanti il centro di accoglienza di Orte per esprimere a gran voce tutto il proprio dissenso per la scelta. “Basta immigrazione clandestina!”, scrive il deputato Mauro Rotelli, “Blocco navale unica soluzione”.

Dello stesso avviso anche diversi esponenti del partito, come Jacopo Polidori: “Gli immigrati dovranno essere sottoposti a quarantena per il Covid-19, gli italiani sono stufi di tutto questo!”.

 

Orte è il paese della Tuscia con la più alta percentuale di stranieri presenti tra la popolazione: 22%. Quasi il doppio rispetto alla media della provincia, che si aggira intorno all’11,5%.

Nei giorni scorsi il responsabile del dipartimento sull’immigrazione di FdI, Jean-Pierre Scarpelli, aveva affermato: “La presenza massiccia di immigrati a Orte, censiti e non, spacciata spesso come esempio di accoglienza e solidarietà, in realtà  il risultato di una volontà, legittima sia ben chiaro, di far fruttare il patrimonio immobiliare, incide notevolmente sul tessuto sociale della città, e ne stravolge il volto“.

 

 

1 commento

  1. Altro che blocco navale, dimissioni del ministro Lamorgese subito! E poi pensiamo anche all’Aviazione Militare… avrebbe spazio!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui