Le indagini degli uomini dell'Arma erano partite lo scorso inverno

Furti di trattori agricoli, sgominata banda specializzata

282

VITERBO – I carabinieri del nucleo investigativo di Viterbo, diretti dalla Procura della Repubblica, hanno portato a termine una complessa attività d’indagine indirizzata nei confronti di un gruppo di pregiudicati, specializzati nei furti di trattori agricoli di rilevante valore commerciale.

Le indagini vennero avviate durante lo scorso inverno quando, nel giro di pochi giorni, in diverse località della provincia, si registrarono alcuni furti presso aziende agricole, durante i quali vennero asportati grossi trattori, tutti del noto marchio John Deere.

In particolare, secondo gli inquirenti, gli indagati si resero responsabili del furto consumato la notte tra il 18 e il 19 febbraio 2021 in un’azienda agricola di Proceno: in quella circostanza, oltre al trattore della citata marca, vennero asportati altri arnesi per un valore di oltre 90mila euro; del furto consumato il 26 febbraio 2021 in un’azienda agricola di Vetralla; in quella circostanza, oltre al trattore della citata marca, vennero asportati altri arnesi per un valore di circa 50mila euro; del furto consumato il 20 marzo 2021 in un’azienda agricola di Viterbo; anche in quella circostanza, oltre al trattore della citata marca, vennero asportati altri arnesi per un valore di oltre 70mila euro.

Il modus operandi era sempre lo stesso: la banda – composta da diversi soggetti (italiani) di Aprilia (LT) e Velletri (RM), alcuni dei quali con precedenti specifici, a dimostrazione della loro spiccata specializzazione delinquenziale – dopo aver ricevuto le indicazioni da parte di un basista residente in questa Provincia circa l’azienda agricola da saccheggiare, nel cuore della notte, la raggiungevano a bordo di un camion, scortato da un’autovettura. Qui, s’impossessavano dei trattori John Deere e di altri arnesi, caricandoli sul grosso camion, con il quale si allontanavano dalla Tuscia, raggiungendo la citata località pontina. Il danno cagionato agli imprenditori agricoli era di notevole entità, atteso che, oltre all’ingente valore commerciale dei mezzi asportati, talvolta non coperto da polizze assicurative, l’attività aziendale subiva una battuta d’arresto per il venir meno dell’attrezzatura assolutamente indispensabile per la stessa impresa agricola.

Sulla base del quadro indiziario prodotto, il gip del Tribunale di Viterbo ha emesso un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di residenza nei confronti di tre degli indagati, provvedimento eseguito ad Aprilia e Rosarno (RC), ove uno dei destinatari è stato rintracciato. Nel contempo, sono state eseguite diverse perquisizioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui