Fusco come Michelangelo ha presentato il suo capolavoro, che non è il Mosè ma il sindaco Giulivi

Abbiamo contato centinaia di persone (qualcuno ha suggerito cinquecento) venute da Viterbo e da tutti i paesi della provincia e anche da Frosinone e Latina.

512

Una serata di grande festa è stata celebrata ieri sera a partire dalle 19,30 nella location del Centro Sportivo Il Bullicame in Strada Terme (vicino al Ristorante e Bar da Felicetta).

Abbiamo contato centinaia di persone (qualcuno ha suggerito cinquecento) venute da Viterbo e da tutti i paesi della provincia e anche da Frosinone e Latina. Il grande mattatore della serata è stato il senatore Umberto Fusco, che ha guidato tutta la kermesse come un direttore d’orchestra. Si è festeggiato il risultato eclatante che ha raggiunto la Lega a Viterbo e in provincia dove ha raggiunto il 41,4 %. “Una percentuale – sottolineava Fusco – che non era stata mai raggiunta neanche dalla DC dei tempi migliori”.

Dopo il discorso di introduzione e di benvenuto del vice coordinatore della Lega nel Lazio, Mauro Gonnelli e di Umberto Fusco, il nostro senatore ha anticipato la notizia dell’ingresso in Giunta di Ludovica Salcini. Poi la pasta era pronta e tutti in tavola a mangiare. Dopo la cena  c’è stata la presentazione di tutti i partecipanti alle recenti elezioni. Comune per Comune tutti gli eletti  e anche coloro che non ce l’hanno fatta, sono saliti sul palco. Il piatto forte della serata è stata la presentazione del sindaco di Civita Castellana (da sempre roccaforte “rossa”), e poi il capolavoro della Lega di Viterbo, il sindaco di Tarquinia Giulivi.

Qui la Lega si era presentata da sola e con questo successo ha dimostrato di avere grandi potenzialità. Quando Umberto Fusco ha invitato sul Palco il sindaco Giulivi, era così tanta la sua soddisfazione, che nei suoi occhi abbiamo intravisto il lampo di Michelangelo, quando scagliò il martello verso “Il Mosè” esclamando: “Perché non parli?”. Il sindaco di Tarquinia, al contrario del Mosè, ha però parlato dicendo che ha già formato la giunta (due uomini e due donne), e che lunedì ci sarà il primo Consiglio Comunale. Insomma una grande festa con la F maiuscola.

Umberto Fusco sul palco con il microfono in mano ha dimostrato la stoffa di un grande presentatore (speriamo che la Rai non se ne sia accorta). Il nostro senatore in chiusura ha ringraziato dal palco la moglie Lucilla (per la sopportazione), tutti coloro che sono intervenuti e anche i giornalisti. Solo per questo ringraziamento merita la nostra simpatia e tutta la nostra amicizia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui