Il documento, approvato con 13 voti favorevoli lo scorso dicembre, non avrebbe raggiunto il quorum di maggioranza assoluta richiesto per i regolamenti

Garante dei detenuti, la delibera torna in Consiglio comunale

228

La delibera per l’istituzione del garante dei detenuti tornerà a breve sui banchi del Consiglio comunale di Viterbo per essere rivista, insieme al regolamento in allegato.

Ieri il presidente del Consiglio Stefano Evangelista ha ricordato che dopo la discussione del 3 dicembre scorso sul tema del garante dei detenuti, il giorno successivo è stato comunicato che nell’approvazione della proposta era mancato il raggiungimento del quorum di maggioranza assoluta per i regolamenti, in cui era necessario il voto di 17 consiglieri, rispetto ai 13 favorevoli e 12 contrari confermati in quella seduta.

Il consigliere Erbetti (M5s) nella seduta di ieri ha contestato la modalità del voto, sottolineando che “non è stata seguita la procedura adatta” e chiedendo di ripetere la votazione, in quanto non è stata svolta “articolo per articolo”.

Barelli (Forza Civica) ha poi aggiunto che – data la situazione attuale, che vede oltre 700 positivi nelle carceri italiane – “il garante avrebbe potuto svolgere il suo ruolo anche nei confronti della pandemia. L’istituzione non è più rimandabile”.

Il presidente Evangelista ha prontamente evidenziato la volontà di riportare la discussione della delibera in Consiglio, assicurando che quest’ultima “verrà riproposta in una delle prossime sedute”, magari stabilendo se sarà possibile dividere l’istituzione del garante dal regolamento ed evitare “qualsiasi tipo di problema procedurale”.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui