Quando un'educazione sbagliata può creare dei mostri

Genitori attenzione! I fratelli Bianchi di domani potrebbero essere i figli di chiunque

249
I fratelli Gabriele (S) e Marco Bianchi in una immagine tratta da Facebook. Si trovano nel carcere di Rebibbia i quattro ragazzi arrestati dai carabinieri della Compagnia di Colleferro per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte e nei prossimi giorni ci sar? l'udienza di convalida. Si tratta di Francesco Belleggia, 23 anni, Mario Pincarelli, 22 anni e dei fratelli Gabriele e Marco Bianchi di 25 e 24 anni. Sono tutti accusati di omicidio preterintenzionale in concorso. FACEBOOK GABRIELE BIANCHI ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA HO - NO SALES, EDITORIAL USE ONLY 25,@P26,@P

Sembra surreale, probabilmente uno scherzo, ma così non è. I fratelli Bianchi -gli assassini di Willy Monteiro- hanno manifestato stupore nel trovare solo acqua da bere nel carcere in cui sono detenuti. Da regolamento è possibile somministrare un certo quantitativo d’alcool ai carcerati, tuttavia molte direzioni evitano poichè ritenuto veicolo di smercio tra i detenuti.

Ma cosa ci vogliamo aspettare da chi ha ucciso un povero ragazzo, da chi è stato educato da dei gretti che si sono permessi di commentare l’omicidio con un : “Era solo un extracomunitario”. Non c’è d’aspettarsi nulla.

Tralasciando l’atrocità compiuta, prendiamo il problema più alla larga cercando di concentrarci su quanto avviene in terra nostrana e non solo: si stanno susseguendo eventi di violenza continui, con situazioni al limite del far-west.

Per quanto sia necessario un dispiegamento maggiore di forze dell’ordine, il problema nasce soprattutto dentro le case dove l’educazione diventa secondaria e si acconsente a qualsiasi decisione del figlio.

ATTENZIONE! Non sono certamente io a dover insegnare qualcuno come educare il proprio figlio, ma mi rifaccio a semplici dati, i quali mostrano come molti dei problemi saliti purtroppo alla ribalta ultimamente partano da un’educazione che tale non si può nemmeno definire.

Facendo un giro sul web mi ha estremamente colpito una dichiarazione di un genitore, così netta e giusta nella sua semplicità: “Noi educatori, infatti, dobbiamo contribuire a riempire il mondo di belle persone”, ed è questo il punto del discorso. Ci sono molte realtà dove spesso è il figlio a comandare dentro casa, assistendo ad un vero e proprio (assurdo) ribaltamento dei ruoli.

Ovviamente il discorso non è sempre valido, ci sono anche casi differenti, ma la maggior parte delle volte, ahimè, i motivi sono riconducibili al poco, se non nullo, polso degli educatori.

Non deve essere un omicidio a far scattare la scintilla, dovrebbe essere la normalità, perchè ignorando la normalità inizia una escalation di danni irrecuperabili. Se si continuerà così i fratelli Bianchi di domani potrebbero essere i figli di chiunque.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui