Geotermia Castel Giorgio, Righini: “Inutile esasperare gli animi e raccontare falsità”

Da quanto si deduce dalle sue dichiarazioni tale Antonino Fusco sarebbe stato aggredito con una bottigliata alla testa a causa delle sue posizioni pro impianto geotermico

634
geotermia bolsena castel giorgio
A sx il lago di Bolsena, a dx un impianto geotermico

C’è sempre più nervosismo intorno alla grande polemica avviatasi a causa dell’impianto geotermico di Castel Giorgio.

La lotta tra le amministrazioni territoriali e Diego Righini, amministratore della società Geotermia Italia spa, continua a infuocare su social e mezzi stampa.

diego righini al tg1
Diego Righini di Geotermia Italia spa

Proprio l’amministratore della società incaricata della realizzazione dell’impianto ha oggi denunciato su facebok un grave atto di violenza. Da quanto si deduce dalle sue dichiarazioni tale Antonino Fusco sarebbe stato aggredito con una bottigliata alla testa a causa delle sue posizioni pro impianto geotermico.

Il fatto, su cui non abbiamo ancora conferme di veridicità, sembrerebbe evidenziare una situazione di tensione eccessiva che lo stesso Righini ha invitato a smorzare, denunciando tra l’altro tanto le associazioni contrarie alla centrale quanto le istituzioni colpevoli, a suo dire, di aver diffuso menzogne e paura che sarebbero andate poi a sfociare nell’aggressione.

La tensione sale intorno all’impianto di Castel Giorgio e proprio oggi, alle 18:00, Diego Righini terrà un incontro con la popolazione, utile a portare chiarimenti riguardanti la centrale geotermica e, magari, a calmare gli animi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui