Grande soddisfazione da parte degli amministratori del territorio per la sentenza del Tar del Lazio, che ha accolto il ricorso dei Comuni anche contro la realizzazione dell'impianto di Castel Giorgio

Geotermia, Di Sorte: “Giornata storica, è la vittoria dei territori che non si sono piegati”

233
Andrea Di Sorte

Il Tar del Lazio dice “no” alla realizzazione dell’impianto geotermico di Castel Giorgio, accogliendo il ricorso dei Comuni di Acquapendente, Allerona, Bolsena, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Grotte di Castro, Montefiascone e Orvieto.

La sentenza giunge a una settimana di distanza dalla bocciatura dell’impianto geotermico di Torre Alfina, per il quale il Tar aveva espresso ugualmente parere negativo.

Grande soddisfazione da parte degli amministratori di Lazio e Umbria per l’esito di un percorso lungo e pieno di difficoltà in nome della difesa del territorio, che alla fine li ha visti trionfare.

Andrea Di Sorte, vice sindaco di Bolsena, ha definito quella di ieri come “una giornata storica, è la vittoria di tutti. Soprattutto è la vittoria dei territori che non si sono piegati a nessuno. Da oggi, i progetti che riguardano questa area, devono essere prima concordati con gli enti locali. Senza il volere dei cittadini, la strada è sbarrata“, ha commentato Di Sorte.

“Il Tar del Lazio ha scritto una sentenza ineccepibile. – ha poi aggiunto – L’iter riparte dall’inizio, ma stavolta si deve tener conto maggiormente dell’aspetto sismico e idrico della zona”.

“Grazie a tutti, alla Regione Lazio, ai sindaci, ai comitati ed a tutti i liberi cittadini che si sono esposti in questa immensa battaglia”, ha concluso Di Sorte.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui