Il manager di Geotermia Spa attacca i sindaci della Tuscia: "Si è fatto riferimento a un progetto totalmente diverso per confondere le idee"

Geotermia, Righini: “Chi assimila i progetti di Strasbrugo e Castel Giorgio sta mentendo”

214
diego righini al tg1
Diego Righini di Geotermia Italia spa

Geotermia sull’altopiano dell’Alfina, il manager di Geotermia Spa Diego Righini torna all’attacco contro i sindaci del territorio della Tuscia e altri “avvocatucci” che starebbero mettendo in giro “bugie abbastanza colossali per cercare di impaurire le persone”, come dichiara Righini in un video pubblicato sulla pagina ufficiale dell'”Associazione zero emissioni Umbria Lazio”.

Il riferimento è al caso di Strasburgo, dove nei giorni scorsi il comune di Reichstett, che ospita il sito della nuova centrale in costruzione e che è da sempre contrario al progetto dell’impianto, ha chiesto che quest’ultimo venga abbandonato una volta per tutte a causa dei terremoti che l’attività di sfruttamento dei pozzi d’acqua stava causando.

“Per l’ennesima volta si è fatto riferimento a un progetto totalmente diverso da quello di Castel Giorgio e Torre Alfina – continua Righini – per cercare di confondere le idee. Si parla del progetto di Strasburgo, che dicono essere similare, ma gli EGS (Engineered Geothermal Systems) sono progetti dove non c’è un serbatoio geotermico, quindi hanno provato a crearli artificialmente, mandando in profondità nel terreno getti d’acqua ad altra pressione, per fratturare il sottosuolo e sperare che si formasse un serbatoio, come nel caso di Strasbrugo, Basilea e San Gallo. Chi dice che questi progetti sono assimilabili a quello di Castel Giorgio – aggiunge il manager di Geotermia Spa – dove il serbatoio già esiste, sta mentendo e lo fa per prendervi in giro”.

Infine, il plauso alla realizzazione dell’impianto geotermico nella zona dell’Alfina. “Finalmente questo territorio potrà usufruire della sua energia pulita, rinnovabile e sicura presente in quel territorio e potremo iniziare a fare progetti di sviluppo che devono significare anche occupazione”, conclude.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui