Giallo di Ronciglione: la Cassazione decide tra un mese la sorte di Andrea!

Udienza per Landolfi, accusato di aver ucciso la fidanzata: il gip aveva detto no alla misura cautelare in carcere, ma il Riesame aveva ribaltato la sentenza. La difesa è ricorsa alla suprema corte

598

Il 24 settembre prossimo la Cassazione decide se Andrea Landolfi dovrà stare in carcere oppure no. Il 30enne romano è l’unico indagato per la morte della fidanzata Maria Sestina Arcuri, in merito a quello che è passato agli onori della cronaca come giallo di Ronciglione.

Era la notte del 3 febbraio 2019, quando a Ronciglione, in un appartamento in via Papirio Serangeli, di proprietà della nonna di Landolfi, avviene la caduta dalle scale di una ragazza. Che viene portata all’ospedale di Belcolle dove muore due giorni dopo, nonostante un intervento chirurgico alla testa. Per la procura di Viterbo e per il pm Franco Pacifici, che coordina le indagini, è stato il ragazzo della Arcuri il colpevole. Per questo viene chiesto l’arresto, che però il giudice per le indagini preliminari di Viterbo non concede.

Ma ai primi di giugno il tribunale del Riesame di Roma, interpellato dal pm Pacifici, ribalta la decisione del gip di Viterbo e dispone l’arresto per l’unico indagato per la morte della Arcuri. Fra meno di un mese la suprema corte dovrà decidere sulla misura cautelare del trentenne.

Il quale è difeso dall’avvocato romano Luca Cococcia, che ha fatto il ricorso alla Cassazione. E che subito dopo la sentenza del Riesame dichiarò: “In 26 anni di professione non mi era capitato un appello della procura avverso un’ordinanza di rigetto del gip”. E ancora: “La Cassazione è facile a fare inammissibilità, quindi bisogna stare attenti a non commettere il piccolo errore e a non scendere troppo nel merito. Mi dovrò limitare ai motivi eminentemente di diritto, di legittimità. Il mio obiettivo è arrivare in udienza”. Il 24 settembre ci sarà.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui