Riceviamo e pubblichiamo

Giuliano (UGL): “Mercoledì 16 settembre sciopero generale della categoria di fronte alla regione Lazio”

88

Non si può aspettare ancora. Da 14 anni i lavoratori della sanità privata attendono invano la
firma per il rinnovo del contratto Aiop-Aris. Le parole e le promesse spese in questo
lunghissimo arco di tempo sono cadute nel vuoto. “Si sommano – dice Gianluca Giuliano,
segretario della UGL Sanità Nazionale – a quelle che sono state loro tributate per l’impegno, la dedizione e la professionalità mostrate nell’emergenza legata al Covid-19. Manca però la cosa più importante: la firma sotto un contratto atteso da troppo tempo e che, dopo la pre-intesa di giugno, sembrava destinato a essere sottoscritto”. Per questo motivo la UGL Sanità ha indetto per mercoledì 16 settembre lo sciopero nazionale della categoria. “Serve una risposta dura – prosegue Giuliano – che metta ogni attore coinvolto in questa vicenda di fronte alle proprie responsabilità. Le parti datoriali hanno fatto marcia indietro adducendo la mancata deliberazione da parte di gran parte delle regioni dei provvedimenti normativi che consentirebbero la copertura del 50 % del rinnovo del CCNL, così come stabilito dagli accordi raggiunti dalle OO.SS. in sede Ministeriale alla presenza della Conferenza Stato Regioni. Solo Lombardia, Veneto e Sicilia a oggi hanno mantenuto gli impegni dando un chiaro segnale di essere vicine agli operatori della sanità. Alle altre abbiamo da tempo inviato una nota affinché rispettino le promesse assunte”. Giuliano annuncia un presidio nazionale. “Saremo presenti fisicamente dalle 9:00 alle 13:00 – conclude il sindacalista – di fronte alla Regione Lazio, a Via Cristoforo Colombo, per fare sentire la nostra voce. Deve arrivare, e presto, la firma per restituire tutele, diritti e dignità ai lavoratori della sanità privata altrimenti la nostra protesta e la nostra mobilitazione non si fermeranno.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui