“Giulivi è una scelta di coerenza e competenza. La Provincia ha bisogno di una grande svolta”

Ieri pomeriggio conferenza stampa congiunta di Lega e Fratelli d'Italia per presentare il candidato del centrodestra 'ortodosso'

130

Una scelta di coerenza politica e di competenza amministrativa.

Così Lega e Fratelli d’Italia presentano il candidato presidente Alessandro Giulivi, sostenuto dalle liste ‘Prima la Tuscia’ e ‘Tuscia tricolore’.

“Coerenza politica – sottolinea il deputato FdI Mauro Rotelli – che non vuol dire essere ideologica ma è l’unione di due liste e di un gruppo che su temi essenziali la pensano in maniera similare. Il centrodestra, quello ‘ortodosso’, è profondamente radicato e maggioranza in tutto il territorio della provincia perché già esprime gruppi dirigenti. E la candidatura di Giulivi è il punto d’incontro di queste esperienze”.

Stigmatizza poi il fatto che “le risorse provinciali negli ultimi anni hanno sempre preso le ‘stesse’ strade. Non esistono Comuni di serie A e B, devono ricevere tutti le stesse attenzioni”.

Il senatore leghista Umberto Fusco, che in qualità di consigliere comunale a Vitorchiano il 18 dicembre sarà tra i votanti, sottolinea: “Oggi partiamo insieme con Fratelli d’Italia per questa grande avventura e Giulivi ci porterà alla vittoria. La Provincia di Viterbo ha bisogno di una grande svolta”. E, come già dichiarato in precedenti occasioni, ribadisce: “Io toglierei le Regioni, mantenendo le Province che sono i capisaldi dei territori”.

Poi un’affermazione che suona come un campanello d’allarme: “Il centrodestra nella Tuscia non esiste più. Sono preoccupato per i prossimi appuntamenti elettorali” e porta come esempio Rieti “dove già da novembre è stato individuato il candidato unitario del centrodestra per le Amministrative”.

“Lega e FdI puntano a mandare un messaggio alla Regione” prosegue e guardando più vicino anche al comune di Viterbo, ipotizzando un possibile tagliando dopo l’esito delle Provinciali.

Eventualità rimarcata anche dal coordinatore provinciale leghista: “Le Provinciali non sono soltanto un momento amministrativo, avranno ricadute anche sulle prossime tornate elettorali”.

Il candidato Giulivi, ringraziando Fratelli d’Italia per “l’importantissimo supporto”, si riallaccia alla situazione stigmatizzata da Rotelli affermando: “Con noi la porta della Provincia sarà aperta a tutti i Comuni, pari opportunità e fondi equamente distribuiti tra tutte le amministrazioni”.

E a tale proposito rimarca: “Noi abbiamo 24 persone nelle liste e se vinciamo non dovremo fare inciuci con nessuno”.

Nella sua visione programmatica Giulivi vede l’amministrazione provinciale come un contenitore: in primo piano la salvaguardia dell’ambiente ma spazio anche ad altre competenze finora poco considerate. Con deleghe a Cultura, Turismo e Autorità portuale. Senza dimenticare la Formazione, già in capo a Palazzo Gentili, che come rileva il parlamentare Rotelli pensando all’alberghiero ora presente solo a Caprarola, “può costituire la  possibilità di aumentare la capacità di crescita anche in altre zone, dal litorale a Bagnoregio”.

Sollecitato a esprimersi su un possibile confronto con la quinta lista in campo, Giulivi afferma, applaudito dai presenti: “Il dialogo è sempre ben visto, purché la sinistra resti sinistra e la destra resti destra”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui