Giuramento solenne per il 22° corso Allievi Marescialli dell’Aeronautica Militare

125

La cerimonia si è svolta alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso.

Giovedì 17 settembre 2020 presso la Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare/Comando Aeroporto di Viterbo, si è tenuta la cerimonia del giuramento solenne del 22° Corso Normale Allievi Marescialli “Chiron 2°”.

La cerimonia, svolta alla presenza delle autorità civili, religiose e militari della Città di Viterbo e dei genitori dei giurandi, è stata presieduta del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso. Presenti anche il Comandante delle Scuole e della Terza Regione Aerea, Generale di Squadra Aerea Aurelio Colagrande, ed il Presidente Capo dei Sottufficiali, Graduati e Truppa, Primo Luogotenente Donato Chiarello.

Durante la cerimonia, svoltasi nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza COVID-19, molto suggestiva è stata la benedizione del gagliardetto del Corso Chiron 2° – effettuata da Sua Eccellenza Mons. Lino Fumagalli, Vescovo di Viterbo – così come il momento del “Lo giuro!”, enfatizzato dal sorvolo di velivoli Eurofighter 2000 Typhoon del 4° Stormo di Grosseto, impegnati in una missione di addestramento sui cieli della Tuscia.

“Il giuramento non è solo un fatto simbolico ma una vera e propria scelta di vita”. Queste le parole iniziali del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, nel suo discorso. Rivolgendosi poi agli allievi che hanno giurato fedeltà alla Patria ha così continuato: “Fedeltà, rispetto, disciplina, onore, dovere: sono i principi declinati nella formula stessa del Giuramento ed elementi fondanti dello status di noi militari, dediti con umiltà, professionalità ed abnegazione al bene della collettività. Sappiate farne una fonte autentica di ispirazione a cui ancorarsi nel servizio e nelle missioni che il nostro paese ci chiamerà ad assolvere, anche e soprattutto nei momenti di difficoltà.”

Il Comandante della Scuola Marescialli e dell’Aeroporto di Viterbo, Colonnello Moroni, nel suo intervento ha detto: “Oggi vi accingete ad assumere in forma solenne un rilevante impegno nei confronti del nostro meraviglioso Paese. La vita ci insegna che solo attraverso l’impegno serio, costante, determinato si può ambire a risolvere ogni difficoltà e a raggiungere gli obiettivi prefissati. Adoperatevi sempre con fermezza e non fatevi intimorire dalle difficoltà che incontrerete, perché nel mezzo delle difficoltà possono nascere le opportunità. Voi allievi avete pertanto l’onore e l’onere di impegnarvi e sfruttare ogni istante per prepararvi a fornire il necessario contributo alla collettività”.

 Il 22° Corso Allievi Marescialli, incorporato presso la Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare/Comando Aeroporto di Viterbo circa un anno fa (24 settembre 2019), è costituito da 109 frequentatori. Di questi, 105 frequentano i corsi di Laurea triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali presso l’Università della Tuscia e 4 seguono i corsi di Infermieristica presso la sede distaccata di Viterbo dell’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma.

La Scuola Marescialli dell’Aeronautica Militare/Comando Aeroporto di Viterbo è posta alle dipendenze del Comandante delle Scuole dell’A.M. e della terza Regione Aerea; il reparto ricopre una duplice missione: da una parte, quale istituto a carattere universitario, ha il compito di provvedere alla formazione militare e morale e all’istruzione professionale specifica dei Sottufficiali del Ruolo Marescialli, nonché al perfezionamento e all’aggiornamento di tale formazione; dall’altra, quale aeroporto militare aperto al traffico civile, assicura la fornitura dei Servizi della Navigazione Aerea e garantisce, in accordo a quanto previsto nei piani operativi di settore, l’efficienza delle installazioni aeroportuali funzionali all’attività di volo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui