Gli antichi lavatoi di Viterbo finiscono su Topolino   

631
topolino

Gli alunni della classe IF, oggi II F, dell’I.C. P.Vanni di Viterbo, coordinati dalla professoressa Alcini Bianca Maria, hanno partecipato nell’anno scolastico 2018 /2019 al concorso Fatti d’Acqua, organizzato dal Fai ed hanno vinto il Primo Premio Nazionale.

In occasione della premiazione, che si è tenuta a Milano, presso la prestigiosa sede di Villa Necchi, la classe, con grande entusiasmo e motivazione, ha presentato il progetto di valorizzazione dei vecchi lavatoi di peperino di Viterbo.

Nulla di più coinvolgente di una” Maratonina dei Lavatoi”, infatti dopo attente ricerche, storiche ed antropologiche su questi bellissimi manufatti che si trovano nel centro storico di Viterbo, si è pensato di organizzare una manifestazione sportiva lungo i Lavatoi per farli conoscere e far apprezzare a tutti “la storia e le storie” di queste antiche pietre ormai in disuso e un po’ dimenticate.

Il progetto è stato elaborato anche grazie all’importante contributo dell’associazione Runners di Viterbo, che ha aiutato nella mappatura del percorso, che prende avvio dal vecchio lavatoio a Piazza S.Lorenzo per poi fare tappa nei diversi lavatoi del centro medioevale.

 

 

 

 

Il lavoro degli studenti è stato apprezzato tanto da vincere il prestigioso premio e il settimanale Topolino (edito in Italia dalla Panini Comics) ha preso come spunto il progetto che è stato quindi trasformato in una storia. La pubblicazione è prevista su Topolino n. 3332, in edicola il 2 ottobre prossimo. La storia sarà preceduta da una pagina di introduzione dove saranno pubblicati i riferimenti al lavoro dei ragazzi e una foto della premiazione. «Paperino Paperotto in: la corsa dei Lavatoi», su soggetto e sceneggiatura di Valentina Camerini e i disegni di Alessia Martusciello.

In città, ovviamente, le congratulazioni per gli studenti del sindaco Arena che con orgoglio ha ricevuto gli studenti al Palazzo dei Priori, assegnando loro un Diploma, del dirigente scolastico Giuseppina Agostino, dei docenti e di tutti i genitori.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here