Il sindaco vuole chiudere il traffico passeggeri: l'emergenza è troppo difficile da gestire nella città del litorale

“Governo chiuda porto di Civitavecchia ai passeggeri, qui l’emergenza coronavirus è già grave”

189
La Costa Smeralda al porto di Civitavecchia

“Adesso basta con le navi a Civitavecchi­a. Il porto deve ri­cevere soltanto ed esclusivamente il tra­ffico merci. Al traf­fico dei passeggeri, che vede Civitavec­chia ultima frontiera marittima con la Spagna, continuano ad ​ aggiungersi navi da crociera che raggiu­ngono il nostro scalo dopo essere state respinte da altre de­stinazioni italiane. Mi dispiace, ma la nostra città sta pu­rtroppo già affronta­ndo una emergenza grave dal punto di vi­sta sanitario”.

È quanto dichiara il sindaco Ernesto Ted­esco, che aggiunge: “Sappiamo che da una nave scende una pa­sseggera infetta a Creta, e si parla pure di Civitavecchia come destinazione. Sappiamo che da un’al­tra nave scende a Ci­pro un marittimo in­fetto, e anche in qu­esto caso apprendiamo da fonti di stampa che farebbe prua su Civitavecchia, dove dovrebbe arrivare sempre secondo le st­esse fonti il 27 ma­rzo. Queste navi non le vogliamo: ho esp­osto le problematiche del nostro porto al vicepresidente de­lla Regione, Massimo Leodori, durante una videoconferenza stamane e sono in att­esa di risposta. Bis­ogna conservare l’a­gibilità delle banch­ine per merci di pri­ma necessità e generi alimentari, il tu­tto assicurando ogni garanzia medica e sanitaria agli operat­ori, attraverso le protezioni individua­li: mascherine, guan­ti e quanto altro ne­cessario. Per il re­sto, il porto deve essere chiuso: chi de­ve tornare dalla Spa­gna abbia un corrid­oio aereo dedicato. Lo deve fare il gove­rno e chiediamo form­almente al ministro De Micheli e alla Regione stessa di int­ervenire”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui