Gravi carenze: “Il reparto psichiatrico di Belcolle va chiuso!”

Il sindacato Nursing Up denuncia una preoccupante situazione e chiede la chiusura alla Regione per i necessari adeguamenti

594

Sei posti letto sui 32 previsti per una popolazione di 320.000 abitanti (provincia di Viterbo), 12 infermieri sui 20 necessari, day hospital che dovrebbe essere interno ed invece si trova a Montefiascone, ovvero a 12 km di distanza.

Queste sono solo alcune delle gravi carenze organizzative e strutturali riscontrate nel spdc (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura) di Belcolle  e confermate da un sopralluogo dei carabinieri dei Nas nello scorso mese di gennaio.

Una situazione gravissima, causa di episodi di violenza a danno degli operatori, ma anche tra gli stessi pazienti, oltre a diversi tentativi di incendio della struttura.

Una bomba ad orologeria che rischia di esplodere da un momento all’altro e, a fronte della quale, il sindacato Nursing Up, per voce del segretario Area Nord, Mario Perazzoni, chiede l’immediata chiusura del reparto.

Segretario Nursing Up-Area Nord- Mario Perazzoni

Con una nota inviata alla Regione, nella quale si elencano la preoccupanti carenze dello spdc, si fa riferimento ad una situazione “che si presenta disastrosa sia sotto il profilo della disponibilità di struttura sia sotto quello del personale.

 

 

“Il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura (SPDC)… è privo di molti requisiti che garantiscono il possesso dei requisiti strutturali, organizzativi e di personale previsti.

Questa affermazione sostenuta come un mantra dagli stessi operatori, confermata dai NAS sei mesi fa, si conferma ancora oggi poiché nulla è stato fatto per risolvere le pesanti criticità documentate.

Non è stata adeguata la struttura che dovrebbe prevedere spazi e risorse per le attività riabilitative e sociali e, a fronte di questa inidoneità della struttura ad ospitare pazienti psichiatrici, due medici sono stati aggrediti (30 e 25 giorni di prognosi) negli ultimi mesi…

Una situazione eticamente inaccettabile, caratterizzata da gravi carenze, “certificate” dai Carabinieri del NAS nel mese di gennaio 2019 …che non garantisce la sicurezza degli operatori, ma soprattutto dei pazienti che, sottoposti a condizioni fortemente restrittive e privati degli spazi di socializzazione e di riabilitazione adeguati, invece di giovarsi delle cure, spesso comunicano il loro disagio con manifestazioni di aggressività…

Per quanto riguarda i requisiti minimi come stabilito nel DCA 8/2011, alcuni sono riassunti di seguito:

1.2.4.1. – Requisiti Strutturali e Tecnologici in riferimento alla peculiare tipologia degli utenti del Servizio, il S.P.D.C. deve possedere, in aggiunta a quanto previsto per l’area di degenza i seguenti requisiti strutturali specifici:

Requisito previsto Situazione rilevata
Vetri antisfondamento Presenti?????
Specchi infrangibili Nei bagni sono presenti specchi non infrangibili
Possibile spazio esterno recintato di pertinenza del S.P.D.C.; Completamente ASSENTE
Possibili spazi idonei dedicati ai ricoverati tabagisti Assente. Si fanno fumare nei corridoi
Spazi soggiorno e stanze di colloquio INESISTENTI
DAY Hospital Dovrebbe essere annesso ma ASSENTE poiché dislocato a 12 km -Montefiascone
Camere di degenza di mq 9 ??????? Camere doppie utilizzate anche come triple di misura inferiore a quella prevista.

 

1.2.4.2. Requisiti Organizzativi – La dotazione minima di personale per un S.P.D.C. con 15 posti letto

Organico previsto Organico effettivo presente

??????????

 

Carenze individuate
9 medici 8 medici

 

1 medico
2 Psicologi 1 Psicologo a tempo definito

 

1 psicologo
1 assistente sociale A tempo definito 1 ASS. Sociale
1 infermiere coordinatore 1 coordinatore Presente
20 infermieri 12 infermieri 8 infermieri assenti
4 tecnici della riabilitazione Nessuno 4 tecnici riabilitazione
2 OSS 1 oss 1 OSS
3 ausiliari o personale equivalente di pulizia 2 ausiliari 1 ausiliario
In caso di DH psichiatrico con almeno 2 p.l. annesso al S.P.D.C., la dotazione minima di personale è integrata con 1 medico, 1 psicologo, 2 infermieri 1 medico spdc effettua day hospital a 12 km distante Day hospital non annesso
Posti letto 6 Dovrebbero essere 1 p.l. ogni 10000 abitanti. Quindi 32 posti letto in due strutture da 15 secondo gli abitanti della Prov. Di Viterbo (320 mila)
□ possibile spazio esterno recintato di pertinenza del S.P.D.C Assente Assente

 

Seppure allo stato attuale il reparto è sottodimensionato, ciò non comporta sostanziali differenze di organico in quanto devono essere comunque garantiti i turni h24.

Per tutto quanto sopra esposto, questa Organizzazione Sindacale firmataria di CCNL chiede un intervento di chi in indirizzo;

PER 

  • La chiusura immediata del reparto SPDC presso Ospedale Belcolle fino all’adeguamento ai requisiti minimi previsti dalla norma;
  • La predisposizione, come da normativa vigente, della apertura di ulteriori posti letto (15) presso il Presidio Ospedaliero di Civita Castellana in locali ex reparto maternità

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui