Riceviamo e pubblichiamo

Guerra aperta tra chi abbandona i rifiuti e il M5S

Domenica mattina si è svolta una seduta del consiglio comunale di Civita Castellana per approvare un aumento alla Tari 2019 (tassa rifiuti) di circa 125.000 euro.

409
Rifiuti a Graffignano

Domenica mattina si è svolta una seduta del consiglio comunale di Civita Castellana per approvare un aumento alla Tari 2019 (tassa rifiuti) di circa 125.000 euro.

“Il mio intervento-dichiara Maurizio Selli, consigliere per il M5S- è stato incentrato soprattutto sulla incapacità di questa amministrazione nell’affrontare il problema dei rifiuti abbandonati e della capacità di tenere in ordine e pulito il centro storico, pertanto  l’aumento richiesto non si giustifica se calcoliamo anche il servizio erogato nel suo complesso”.

La Sate è una società partecipata dal comune di Civita Castellana per il 51%, e per il  M5S è una opportunità da utilizzare al meglio e da potenziare al fine di raggiungere quella efficienza che si richiede al servizio che svolge.

“Il M5S ha da sempre considerato i “rifiuti” una risorsa e la SATE che abbiamo oggi deve cambiare marcia e divenire una società modello nel campo della raccolta, della trasformazione e dei servizi al territorio”.

“Carte alla mano, ho ricordato ieri al Sindaco Angelelli e alla sua giunta-prosegue Selli- che nonostante le documentate denunce fatte dal sottoscritto, e la richiesta di indire un tavolo in commissione per iniziare a discutere di come intervenire organicamente sul problema rifiuti, nulla è stato fatto e ad oggi siamo con un territorio pieno dai immondizia abbandonata e di delinquenti che continuano a lanciare le buste lungo le strade.

Per quanto mi riguarda e per quanto riguarda il M5S che rappresento, la tolleranza verso chi utilizza il nostro territorio come una discarica, sarà praticamente ZERO.

La prima cosa da fare, ripulire il tutto e contemporaneamente, qualora possibile dalle norme,  sistemare degli accorgimenti elettronici, per documentare e denunciare chi si diverte a nostre spese. La convinzione è che molti “lanciatori di immondizia” non siano residenti a Civita Castellana, pertanto le video/foto trappole saranno solo l’inizio della nostra azione.

“Per quanto riguarda chi nel nostro comune non è registrato e pertanto non paga la Tari, il M5S inizierà con l’incrocio dei dati delle utenze e altri parametri sociali al fine di capire quanti soggetti evadono scaricando sugli altri la loro quota, sia in termini economici che di immondizia che ci ritroviamo buttata nelle strade.

I cittadini devono sapere che questi maiali, oltre che arrecarci un danno di immagine ci procurano anche un danno economico non indifferente. I rifiuti abbandonati, raccolti e smaltiti in discarica costano alle casse comunali decine di migliaia di euro l’anno, con gli stessi soldi ci possiamo fare altre cento cose per il sociale e non buttarli in “monnezza.

“E’ una questione di civiltà e di amore per il luogo dove viviamo- conclude Selli- è nostro compito di cittadini stroncare definitivamente questa ignobile pratica che permette a pochi delinquenti di far pagare a tutti noi l’immondizia che producono.

Per il M5S di Civita Castellana, intervenire con forza e tentare di risolvere il problema è fondamentale, tanto quanto traghettare il nostro sistema e la SATE stessa dalla attuale “raccolta porta a porta ” alla raccolta “puntuale”.

Maurizio Selli – consigliere M5S

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui