I carabinieri salvano due turisti dispersi nel lago di Bolsena. Le famiglie: “Siete degli angeli”

442
Al centro i due superstiti salvati dai carabinieri della caserma di Bolsena

Sono stati salvati dai militari dell’Arma dei carabinieri di Bolsena due giovani tedeschi di 38 e 12 anni. Questa mattina le famiglie dei superstiti hanno ringraziato gli “angeli” della caserma di Bolsena potendo riabbracciare i loro cari.

Il fatto risale a ieri sera quando i due, a bordo di una piccola barca a remi, non riuscivano a rientrare a riva a causa delle condizioni metereologiche. I familiari al momento della loro assenza hanno subito dato l’allarme: è stato attivato subito il piano per le ricerche dalla Prefettura, con in campo tutti gli enti come un elicottero dell’Aviazione dell’Esercito di Viterbo, un drone della Croce Rossa italiana, una motovedetta dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia Provinciale, coordinati dai vigili del fuoco anche loro in acqua. Dopo le ore 21, al sopraggiungere del buio e con il forte vento di tramontana che si era alzato, si andavano sempre più riducendo  le speranze di ritrovare vivi i due dispersi.

Verso l’una di notte è arrivata la lieta notizia che l’equipaggio della motovedetta dei Carabinieri li aveva rintracciati al largo, in stato di ipotermia,  impauriti, in special modo il più piccolo dei due, ma ritrovati vivi ed ancora coscienti.

Immediatamente raccolti a bordo  sono stati subito trasportati presso il porto di Bolsena, dove ad attenderli c’erano i sanitari del 118 avvisati via radio.

Stamani, durante l’incontro in caserma, ci sono state parole di elogio e di gratitudine da tutti i turisti delle numerosa comitiva per l’efficienza dell’apparato messo in campo dalla Prefettura di Viterbo e dall’Arma dei Carabinieri del posto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui