I Giovani Imprenditori di Unindustria candidano Viterbo a “città della cultura europea”

Questa è la sfida affascinante lanciata dal presidente del Gruppo dei Giovani Imprenditori di Unindustria, Giulio Natalizia, al termine dell'incontro (T)here in tour

658

Fare di Viterbo la “capitale della cultura europea” nel 2033, quando sarà di nuovo l’Italia ad avere l’onore di esprimere questa eccellenza.

Questa è la sfida affascinante lanciata dal presidente del Gruppo dei Giovani Imprenditori di Unindustria, Giulio Natalizia, al termine dell’incontro (T)here in tour – terzo appuntamento regionale, dopo Roma e Rieti, che ha avuto luogo ieri pomeriggio nella sala Regia del Palazzo dei Priori di Viterbo – “La storia e lo sviluppo della città. Nuove dinamiche del turismo per il territorio”.

Intorno a Natalizia, a esprimere compattezza e unità di intenti, gli altri giovani imprenditori viterbesi che hanno animato il pomeriggio  con i loro interventi: Alessandra Sensi – presidente del Gruppo di Viterbo – insieme a Matteo Flati e Giovanni Riccardo Scuderi.

Ma è tutta la città che ieri pomeriggio è riuscita a fare sistema intorno alle proposte dei giovani imprenditori; a partire dal Comune, presente con il Sindaco e con molti assessori della sua giunta. Presente anche il senatore Umberto Fusco, ringraziato personalmente dal Sindaco per il suo ruolo di cerniera – insieme agli altri parlamentari viterbesi – tra le esigenze del territorio e le istituzioni nazionali.

L’incontro ha avuto la sua cifra distintiva nella concretezza delle proposte messe sul tappeto dai giovani imprenditori sui nodi irrisolti delle infrastrutture, della mobilità e della crisi del centro storico viterbese.

“Siamo orgogliosi del significato latino del nome della nostra città – Vetus Urbs, città vecchia – ha detto Alessandra Sensi, aprendo i lavori del pomeriggio – ma dobbiamo anche allontanarci dal significato di questo nome quando progettiamo la nostra visione del futuro. Scrivere il nostro futuro è l’unica attività che non possiamo delegare ad altri.”

E il futuro dello sviluppo turistico ed economico del territorio viterbese passa per alcuni punti precisi. Sul piano della mobilità il completamento degli ultimi 17 chilometri della Orte-Civitavecchia; la creazione di quattro convogli sulla FL3  Bracciano-Cesano che percorrano in un’ora la tratta Viterbo-Roma e viceversa; l’istituzione di una fermata a Orte per la linea di Alta Velocità, come è già stato fatto per Chiusi. Il raddoppio della FL3 resta l’obiettivo di più lungo periodo necessario per rompere l’isolamento del territorio viterbese.

“Ma oggi, nel 2019, non viaggiano solo le persone e le merci – dice Matteo Flati – ma anche i dati. Ci piace pensare a Viterbo, città turistica, come a una smart city, con il 5 G, una rete WI-Fi ad alta velocità, un servizio efficiente di bike e  car sharing.”

Per la riqualificazione del centro storico i Giovani Imprenditori propongono che il Comune aggiunga il 10% mancante al bonus fiscale per il rifacimento delle facciate, previsto fino al 90% dalla manovra governativa in corso di approvazione.

“La riqualificazione del centro storico è essenziale per ritrovare quello che era il salotto buono della città – ha affermato Giovanni Riccardo Scuderi. – Noi il nostro centro commerciale aperto già ce l’abbiamo, ed è proprio il centro storico.”

L’intervento di Simone Gorini – Direttore regionale di Trenitalia – ha illustrato il piano di investimenti delle Ferrovie Statali per il territorio regionale; quello di Emanuele Nicoletti – esperto di cultura e turismo della Regione Basilicata – ha ripercorso le tappe della rinascita di Matera da “città della vergogna, negli anni ’50, a capitale della cultura nel 2019”.

Paolo Ornelli – assessore  regionale allo Sviluppo Economico – ha inviato un videomessaggio di saluto, in cui, fra l’altro, si è detto disponibile a incontrare quanto prima l’associazione dei Giovani Imprenditori di Unindustria.

Oggi dalle ore 10, sempre in Sala Regia, si replica con il XIV Forum Interregionale dei Giovani Imprenditori, di cui vi riferiremo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui