E' scomparso Tullio Stefanucci, Consigliere e Presidente del Consiglio Comunale di Vignanello: una grave perdita per tutta la cittadinanza

Ieri la scomparsa di un grande pilastro nell’amministrazione comunale di Vignanello

286

Il Consiglio Comunale di Vignanello ha dato la notizia della scomparsa del Consigliere e Presidente del Consiglio Comunale, Tullio Stefanucci: un vero pilastro per l’amministrazione di Vignanello. Infatti, i cittadini lo descrivono come un uomo con un grande senso dello Stato e delle Istituzioni, un punto di riferimento per tutti. E’ stata una grave perdita per tutta la cittadinanza, una presenza costante nel panorama politico e amministrativo. I messaggi di condoglianza alla famiglia sono stati tantissimi e sentiti, poiché era conosciuto da molte persone, anche il Comune di Vallerano e Canepina hanno esplicitato la loro vicinanza ai familiari.

Tullio Stefanucci aveva 74 anni ed era risultato positivo al tampone del Covid-19 ma più passavano i giorni e più le sue condizioni andavano aggravandosi, fino a spengersi all’ospedale di Belcolle.

Anche il sindaco di Vignanello, Federico Grattarola, ieri con un post su Facebook ricorda Tullio Stefanucci: “Questa mattina si è spento all’Ospedale Belcolle intorno alle ore 3,30 del mattino il Consigliere Tullio Stefanucci. La Pandemia a Vignanello fa così la sua prima vittima. La brutta notizia ha lasciato attonita l’intera comunità e tutto il Consiglio Comunale di cui lui è stimato Presidente e lo è per merito e per onorato impegno”.

Il sindaco continua la nota con la descrizione del grande uomo che è stato e che continuerà ad essere: “Tutta la cittadinanza conosce Tullio come una persona, onesta, socievole, attenta ai bisogni della gente, disponibile e sempre pronta all’ascolto. Non è un caso che sia in politica da oltre quarant’anni. Classe 1946, iniziò a fare politica attiva nel 1975 militando nelle file del Partito Socialista Italiano; amava definirsi un uomo di sinistra e progressista. Nella vita amministrativa entrò nel 1981 e successivamente dal 1988 al 1990 ricoprì anche la carica di sindaco. Amava Vignanello e non c’era battaglia che non valesse la pena combattere per il suo paese. Con l’Amministrazione che guido questo è il terzo mandato amministrativo e per me non se ne va solo un consigliere ma anche un amico, una spalla, un pilastro che con la sua esperienza e la sua memoria storica è stato un punto di riferimento per tutti noi. Tullio era un uomo delle istituzioni, aveva un forte senso dello Stato e ci teneva particolarmente ad incontrare i giovani del paese per parlare di politica, storia amministrativa e di diritti e doveri; sovraintendeva personalmente ai lavori per la preparazione delle elezioni del Consiglio Comunale dei Giovani.

Tullio dialogava con tutte le generazioni perché sapeva ascoltare e aveva un legame particolare con i suoi amici che sono la sua seconda famiglia. Ci giungono anche le Condoglianze dalla cittadinanza di Birgu dove diceva di voler passare i prossimi anni, visto il legame che era riuscito a creare con gli amici maltesi con cui siamo gemellati. Tutto questo a riprova di quanto già manchi a tutti quelli che lo hanno conosciuto e nella sede del locale Partito Laburista era già praticamente di casa. Riposa in pace amico mio e le parole non saranno mai abbastanza per ringraziarti della tua fiducia, del tuo supporto e della tua vicinanza in questi anni”.

Federico Grattarola informa la cittadinanza che oggi alle ore 11.55 ci sarà un minuto di silenzio da parte del Consiglio Comunale e del personale in servizio e ricorda che il numero di presenze in chiesa è limitato per via del COVID, per evitare gli assembramenti. Continua il sindaco: “Per questo motivo sarà allestita nella Chiesa Collegiata la camera ardente, a partire dalle ore 12,00 fino alle ore 14,00, per chi volesse dare un ultimo saluto a Tullio; ricordo a tutti che si entra uno alla volta, rispettando i distanziamenti e con la mascherina. I funerali si celebreranno alle ore 15,00 e per chi non riuscisse ad entrare è stato istituito il divieto di sosta su tutta la piazza per recuperare il massimo spazio possibile all’esterno”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui