IL BELLO E IL BRUTTO DELLA SETTIMANA

128

Prosegue l’appuntamento con la rubrica de La Mia Città News. Una sorta di diario settimanale per narrare i fatti e gli accadimenti più significativi a livello locale ma non solo.

Una narrazione forse opportuna in tempi in cui le notizie corrono veloci e la memoria tende a rimpiazzarle nel volgere di poche ore

Domenica 26 dicembre –

Maxi sequestro droga: 170 chili di coca, hashish e marijuana oltre a una pistola e un fucile artigianale sequestrati dai carabinieri in un casolare di Nepi. Arrestati un pregiudicato 70enne e uno straniero di origini maghrebine.

Bollettino Asl: Oggi nella Tuscia 135 i casi accertati, di cui 41 a Tarquinia, 35 a Viterbo, 8 a Civita Castellana, 6 a Montefiascone e 5 a Fabrica di Roma.

Covid Italia: In vigore le nuove restrizioni, tra cui obbligo di green pass anche per consumare al bancone del bar. I contagi nel nostro Paese sfiorano i 25mila casi in un giorno.

Covid Europa: Il lockdown applicato ai no vax in Germania lo scorso 2 dicembre, una delle ultime misure volute dalla Merkel, ha ridotto nettamente i contagi. Da 74mila sono scesi a 10mila casi in meno di un mese. In Francia nuovo record: oltre 100mila contagi in 24 ore.

Desmond Tutu: E’ morto a 90 anni l’arcivescovo anglicano sudafricano anti-apartheid, premio Nobel per la pace.

Lunedì 27 dicembre –

Comune Viterbo: Una ‘svista’ burocratica costringe i consiglieri che hanno sfiduciato il sindaco a consegnare singolarmente le dimissioni al Protocollo. Nulla cambia sotto l’aspetto politico, l’amministrazione Arena è decaduta.

Viterbo commissariata: Il prefetto Bruno nomina commissario prefettizio Antonella Scolamiero, già prefetto della città dei Papi.

Bollettino Asl: Oggi sono 96 i nuovi positivi, tra cui 37 a Viterbo, 7 a Montefiascone, 7 a Vitorchiano, 6 a Civita Castellana, 5 a Ronciglione, 4 a Bomarzo e 4 a Vetralla.

Covid Italia: Via alle prenotazioni della terza dose per i giovani tra i 16 e i 17 anni e per i fragili tra i 12 e i 15. 500mila italiani risultano positivi al Covid.

Turismo in ginocchio: La ripresa dei contagi costa 5 milioni di disdette tra Natale e Capodanno. Le agenzie di viaggio registrano un calo dell’85%.

Covid Europa: In Francia a gennaio si temono 200mila contagi. Intanto migliora la situazione in Germania. Dopo il lockdown di un mese per i non vaccinati, i casi da 74mila si sono ridotti a poco più di diecimila.

Martedì 28 dicembre –

Bollettino Asl: Si impennano i contagi nella Tuscia. Oggi a quota 248 tra cui 67 a Viterbo, 23 a Civita Castellana, 23 a Montefiascone, 12 a Vetralla, 11 a Fabrica di Roma, 10 a Vitorchiano, 9 a Soriano nel Cimino, 9 a Tuscania, 8 a Tarquinia

Covid Italia: Il virus, spinto anche dalla variante Omicron, fa salire a 30mila il numero dei contagi. Il Lazio resta tra le regioni sotto osservazione per il cambio di fascia, probabilmente dalla prima settimana di gennaio.

Strage Usa: Un’altra sparatoria negli Stati Uniti. A Denver, in Colorado, un uomo spara in diverse zone della città provocando tre vittime e tre feriti. Poi viene ucciso dalla polizia.

Mercoledì 29 dicembre –

Provincia: Primo consiglio dell’era Romoli, con l’ingresso di nuovi consiglieri che subentrano ai quattro del comune di Viterbo, decaduti. Il Comune capoluogo privo di rappresentanti a Palazzo Gentili.

Bollettino Asl: Preoccupante impennata di casi nella Tuscia, oggi si registrano 432 contagi quasi raddoppiati rispetto a ieri. 137 a Viterbo, 44 a Civita Castellana, 27 a Montefiascone, 18 a Soriano nel Cimino, 15 a Nepi, 13 a Fabrica di Roma, 13 a Tarquinia, 11 a Orte, 11 a Sutri, 11 a Vitorchiano, 10 a Montalto di Castro, 10 a Ronciglione, 10 a Tuscania, 10 a Vetralla, 8 ad Acquapendente e 8 a Vignanello.

Giovedì 30 dicembre –

Lega Viterbo: Responsabilità e coerenza per “una scelta sofferta”, legata non solo alle Provinciali ma anche allo scarso dinamismo dell’amministrazione Arena in tre anni di mandato. Così i salviniani viterbesi hanno motivato la decisione di far cadere il Comune.

Bollettino Asl: Scendono, pur restando un numero elevato, i casi di positività nel Viterbese. Oggi sono 219 di cui 42 a Civita Castellana, 37 a Viterbo, 10 a Fabrica di Roma, 10 a Ischia di Castro, 10 a Ronciglione, 9 ad Acquapendente, 8 a Capranica e 8 a Vasanello.

Covid Italia: Omicron tira la volata all’impennata di contagi, 127mila in 24 ore. E sono ancora 5 milioni, soprattutto tra i cinquantenni, gli oltranzisti del no al vaccino che non hanno fatto neanche la prima dose.

Covid Austria: Resta seria la situazione, nonostante il lockdown per i non vaccinati. Si pensa di invogliare alla vaccinazione offrendo un bonus da 500 euro.

Venerdì 31 dicembre:

Tsunami Provinciali: A Civita Castellana anche l’assessore azzurro Silvia La Bella abbandona la maggioranza di centrodestra, lasciando capire di essere stata costretta a farlo. Abbandona il Comune ma si dimette anche da Forza Italia.

Bollettino Asl: Sembra finalmente in calo il numero dei contagi nella Tuscia. Oggi sceso a 196 casi, tra cui 35 a Viterbo, 17 a Montalto di Castro, 14 a Civita Castellana, 13 a Ronciglione, 12 a Tarquinia e 11 a Sutri.

Capodanno nel mondo: Il passaggio al 2022 è già stato celebrato in diverse aree del pianeta: dalla Nuova Zelanda all’Australia, a Tokyo.

Zona gialla: Anche il Lazio tra le regioni che da lunedì si ritroveranno in fascia gialla. Le altre sono Piemonte, Lombardia e Sicilia.

Sabato 1 gennaio 2022 –

Lieto evento: E’ un maschio di nome Gabriele, il primo nato in questo anno nuovo nella Tuscia. Il lieto evento all’ospedale di Belcolle, un minuto dopo la mezzanotte del 31 dicembre.

Politica: Chiara Frontini, leader di Viterbo 2020, sceglie il primo giorno del 2022 per illustrare gli obiettivi programmatici principali per le Comunali di primavera.

Bollettino Asl: L’anno nuovo inizia con 189 positivi, tra cui 31 a Viterbo, 24 a Civita Castellana, 12 a Fabrica di Roma, 9 a Gallese, 8 a Valentano, 7 a Montefiascone, 7 a Nepi e 7 a Vetralla.

Covid Lazio: Salgono a 12.345 i nuovi casi di positività, quasi 3900 in più rispetto a ieri. Da lunedì 3 gennaio scatta la zona gialla.

Botti Capodanno: Nonostante i divieti in vigore in molte città italiane, il bilancio della notte del 31 dicembre è di diversi feriti. 14 quelli più gravi, tra cui un bambino di 2 anni e un 40enne che ha perso una mano. Anche gli animali hanno pagato cara la follia dei botti, circa 400 tra cani e gatti mortiper la paura.

Appuntamento alla prossima settimana con l’auspicio che le buone notizie quantomeno pareggino il conto con quelle meno positive.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui