Il Centro per gli Studi Criminologici dedica le sue borse di studio a Fabio Maniscalco e a Roberto Conforti

Le borse di studio del Centro per gli Studi Criminologici saranno in memoria di due eroici difensori del patrimonio culturale.

582
centro per gli strudi criminologici

Le borse di studio del Centro per gli Studi Criminologici saranno in memoria di due eroici difensori del patrimonio culturale: Fabio Maniscalco,  archeologo,  e Roberto Conforti, generale dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale.

Il Centro per gli Studi Criminologici è un Ente di Formazione Superiore, riconosciuto dalla Regione Lazio, accreditato presso il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti come Ente Terzo Formatore, iscritto all’Anagrafe Nazionale delle Ricerche del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Fabio Maniscalco è  stato un archeologo in prima linea che ha dedicato la sua vita al contrasto dei crimini contro il patrimonio culturale nelle aree di crisi e di guerra. Per la sua instancabile attività ha ottenuto numerosi riconoscimenti. Nel 2007 è stato proposto per la candidatura al Premio Nobel per la Pace. È scomparso nel 2008 per una rara forma tumorale provocata dall’esposizione all’uranio impoverito. E’ stato riconosciuto “vittima del dovere” dal Ministero della Difesa Italiano.

Il  generale dei Carabinieri Roberto Conforti, a capo del Comando Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri dal 1991 al 2002, è stato un protagonista assoluto della lotta ai traffici illeciti di beni culturali da parte delle forze dell’ordine. Ha presieduto la Società Italiana per la Protezione dei Beni Culturali. Per la sua attività ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui la Medaglia d’Oro ai Benemeriti della Scuola, della Cultura e dell’Arte dal Presidente della Repubblica Italiana.

“Abbiamo voluto dedicare le borse di studio a due straordinari paladini della difesa del patrimonio culturale italiano e mondiale – dichiara Marcello Cevoli, Presidente del Centro per gli Studi Criminologici – affinché possano costituire un modello ed un esempio per le nuove leve di studiosi e difensori del patrimonio culturale”.

Dal 2015 ad oggi il Centro Studi Criminologici ha messo a disposizione ben 9.200 euro in borse di studio.

La proclamazione dei vincitori di quest’anno avverrà nel corso dell’inaugurazione della quinta edizione del Master di Archeologia Giudiziaria e Crimini contro il Patrimonio Culturale, promosso dal Centro Studi Criminologici in collaborazione con l’Osservatorio Internazionale Archeomafie, con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Archeologi e della Fondazione Caffeina Cultura.  In questi cinque anni il Master ha totalizzato ben 128 iscritti.

“Si tratta di un percorso formativo unico nel suo genere – spiega Cevoli -, che fornisce competenze di alto profilo e per questo da cinque anni registra una nutrita partecipazione di professionisti del settore provenienti da ogni parte d’Italia”.

La cerimonia di inaugurazione e di proclamazione dei vincitori delle borse di studio si terrà a Viterbo, sabato 30 marzo 2019, alle ore 10.00, presso la Sala del Cenacolo del Convento della SS. Trinità, alla presenza dei rappresentanti istituzionali, del Comitato Scientifico del CSC e dei docenti del Master.

Alla cerimonia parteciperanno anche i rispettivi familiari dei due eroici difensori del patrimonio culturale a cui sono dedicate le borse di studio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui