Il comitato dei Due Mari: “Inevitabile la riapertura della ferrovia di Civitavecchia”

271

Negli ultimi giorni buone notizie sono giunte gradite ai cittadini del viterbese e del Centro Italia.

Il comitato per la riapertura della ferrovia dei Due Mari esprime piena soddisfazione e ringrazia: “Le abbiamo apprese con viva soddisfazione. Una nuova sensibilità della politica alle cose che contano non può che farci piacere”.

“La Fermata dell’Alta Velocità ad Orte la più importante e ultima per ordine di tempo – afferma il comitato – l’illuminazione del Ponte di Ronciglione della Civitavecchia Orte la precedente e l’ultima per ordine di tempo la notizia del completamento dei lavori per  il collegamento dell’Interporto Centro Italia con la linea  ferroviaria Orte Ancona e Roma-Firenze -Bologna- Milano. Da questo in particolare ne deriveranno effetti benefici sul trasporto merci dell’intero bacino del Centro Italia. L’illuminazione del ponte – prosegue la nota – è un evento che abbiamo sognato e diverrà realtà. La Fermata dell’Alta velocità ad Orte è un evento fantastico che come comitati e associazioni abbiamo chiesto da tempo ed è finalmente un fatto concreto. Grazie all’Alta velocità ad Orte, il nodo di Orte ritrova la sua importanza strategica”.

Tante le iniziative fatte dalle associazioni e dal Comitato per la riapertura della linea ferroviaria Civitavecchia Orte che sono state messe in piedi per giungere al riequilibrio del territorio e alla realizzazione dell’area Tuscia Etruria Umbria, almeno nei fatti concreti. Tanti i politici che si sono impegnati per questi risultati.

“Finalmente incomincia una nuova fase – continua il comunicato – che sicuramente romperà l’isolamento in cui è stato relegato per anni larga parte del territorio viterbese ed è ora più tangibile il raccordo all’interno di una macro area per la quale, come comitato, da tempo auspichiamo la creazione. Passi importanti quelli compiuti. Occorre ora spingere perché le scelte della politica compiano l’altro passo importante per ridare sviluppo economico al viterbese e al Centro Italia e cioè la riapertura completa della Civitavecchia Capranica Orte a tutti i servizi: merci, viaggiatori e turistici. La tratta ferroviaria mancante della Civitavecchia Orte Terni Ancona; il congiungimento mancante per avvicinare i due mari Tirreno Adriatico; l’unica soluzione idonea per il trasporto merci”.

“Per questo obiettivo – concludono – vanno definitivamente vinte le rimanenti piccole resistenze che la stanno solo ritardando, nonostante sia evidente a tutti la loro infondatezza e non a vantaggio delle popolazioni, che si aspettano dalla politiche scelte verso la riduzione dell’inquinamento ambientale, salvaguardino l’ambiente e la salute e  dei cittadini che sono ormai improcrastinabili. Siamo comunque ottimisti, c’è ora una maggiore sensibilità a questi temi che vanno affrontati con urgenza, è quindi inevitabile anche la riapertura della ferrovia”.

FERROVIA DEI DUE MARI
COMITATO PER LA RIAPERTURA DELLA FERROVIA CIVITAVECCHIA CAPRANICA SUTRI ORTE
E PER LO SVILUPPO ECONOMICO DELLA TUSCIA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui