La replica del virologo italiano: "Ci sono cose peggiori che prendere il coronavirus, tipo nascere idioti"

Il dottor Jessen: “Gli italiani usano l’epidemia per fare una siesta”. Burioni: “Vergogna!”

633
roberto burioni

Ha fatto scalpore in tutta Italia il commento su un’emittente britannica del dottor Jessen, conduttore della trasmissione “Malattie imbarazzanti”. Secondo il medico, gli italiani starebbero in qualche modo approfittando dell’emergenza coronavirus per chiudere tutte le attività del territorio e “fare la siesta”.

Ha aggiunto anche che il suo pensiero “potrebbe sembrare un po’ razzista, ma non vi sembra una scusa questa? Gli italiani, per qualsiasi motivazione, sono pronti a spegnere tutto e a smettere di lavorare”.

Mentre aumenta vertiginosamente il numero di contagi da Coronavirus anche in Gran Bretagna, Jessen lo ha paragonato ad “un brutto raffreddore” e sostiene che “le persone sono molto più preoccupate di quanto dovrebbero”.

Su Facebook, intanto, è arrivata la replica del virologo italiano Roberto Burioni, in prima linea per la lotta al Coronavirus:

“Non è il momento delle polemiche – si legge sul suo profilo social – ma quando un cretino insulta gravemente tutto un popolo che sta lottando per la propria vita, con oltre mille persone morte e altrettante in rianimazione, non si può tacere. Non so se questo programma sia in qualche canale italiano: se così fosse dobbiamo pretendere che sia sospeso immediatamente. Infine, ricordiamoci che ci sono cose peggiori che prendere il coronavirus, tipo nascere con un cervello simile a quello di questo idiota. E in questo specifico caso “idiota” non è un insulto, ma una diagnosi gratuita. Vergogna!”, conclude Burioni.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui