Il lucchetto del Bullicame… non ha risposto alle nostre domande!

Tra me e me pensavo che cosa sarebbe successo se i Consoli che governavano Viterbo nel 1300 (anno in cui Dante Alighieri andò in ambascia da Papa Bonifacio VIII, transitando per Viterbo), avessero chiuso il Bullicame, così come ha fatto il sindaco Giovanni Arena.

413

Anche oggi mi sono recato al Bullicame per fare visita al mio figlio adottivo che, come a tutti noto è Il Bullicame. Purtroppo non ho potuto visitarlo perché il cancello è ancora chiuso con un grosso lucchetto.

Tra me e me pensavo che cosa sarebbe successo se i Consoli che governavano Viterbo nel 1300 (anno in cui Dante Alighieri andò in ambascia da Papa Bonifacio VIII, transitando per Viterbo), avessero chiuso il Bullicame, così come ha fatto il sindaco Giovanni Arena. Il Sommo Poeta non avrebbe visitato la “callara” e non avrebbe scritto i famosi versi: “Quale del Bullicame esce ruscello/che parton poi tra lor le peccatrici/tal per la rena giù sen giva quello/lo fondo suo ed ambo le pendici/fatte erano pietra e margini di lato”. Avremmo perduto l’ingresso nella storia del nostro Bullicame, perché essere l’unica fonte termale citata nella Commedia, dona al nostro bellissimo monumento naturale, una gloria inusitata. Per fortuna che i Consoli allora lo tenevano sempre aperto. Non sapendo a chi chiedere il perché di questa chiusura ho interrogato il pesante lucchetto che è sulla porta di metallo.

Ebbene voi non ci crederete, ma non mi ha mai risposto. Bene, ripeterò presto le stesse domande al sindaco Giovanni Arena, sperando in una risposta. Caro sindaco perché il Bullicame è chiuso? Attendiamo
una risposta. Grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here