Il maltempo non ferma l’ incanto di Concato! Sindaco e assessore si beccano un po’ di fischi

Ma gli imprevisti non mancano: al momento dell'entrata del Sindaco Giovanni Arena e dell'Assessore alla Cultura il pubblico comincia a fischiare e ad intonare il nome di Fabio Concato

449

Un sabato sera intenso quello del 24 settembre a Viterbo. Non solo penne all’arrabbiata sotto la macchina di Santa Rosa che si illumina per l’occasione. A piazza Unità d’Italia Fabio Concato con il suo trio di bravissimi musicisti chiude le serate di JazzUp organizzate dall’Assessorato alla Cultura del Comune.

Concato è un artista che ha attraversato le generazioni, capace di tenere con maestria quel tono melodico confidenziale che pare fatto apposta per fare presa presso un vasto pubblico. Uno stile il suo certamente pop, ma con raffinatezze e ironie capaci di renderlo unico nel panorama della musica popolare italiana.

Il Sindaco Giovanni Arena e l’assessore alla cultura sul palco sotto i fischi del pubblico

Questa sera offre una versione gradevolmente jazz dei suoi successi e il pubblico canta insieme a lui. C’è realmente un grande feeling tra Concato e il pubblico viterbese. Lui da bravissimo uomo di spettacolo si offre all’abbraccio della gente, scendendo dal palco e passeggiando fra le file delle sedie della piazza. Ma gli imprevisti non mancano: al momento dell’entrata del Sindaco Giovanni Arena e dell’Assessore alla Cultura dove il pubblico comincia a fischiare e ad intonare il nome di Fabio Concato. Dopo il brevissimo episodio dei fischi parte l’atteso concerto  anche se con qualche goccia. Ma la gente è contenta e si gode lo spettacolo.

Il sindaco Arena ha brevemente introdotto l’artista, dimostrando un’insospettabile conoscenza di tanti suoi successi, da Domenica bestiale del 1982 a Rosalina e Guido piano. insomma niente male, questo sindaco pop, che come tanti ha saltabeccato dalle pennette di San Sisto a Fabio Concato.

La gente è tanta, le gradinate piene e anche la pioggia che a inizio serata ha minacciato di molestare la serata, alla fine ha concesso la grazia. Concato ha portato bene. “Quando ci sono io non piove”, ha rassicurato. E così è stato.

Una serata gradevole, che la città ha dimostrato di apprezzare e che Fabio Concato ha onorato da grande e cortese professionista quale è.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui