La candidata sindaco Luisa Ciambella illustra un progetto ambizioso fuori da schemi tradizionali

“Il Mercato del ‘Genio viterbese’ deve diventare attrattore turistico, economico e culturale”

108

“In questa parte strategica della città lanciamo un’idea per pensare a una Viterbo che supera il provincialismo, capace di affrontare i cambiamenti e di allinearsi alle città europee”.

Luisa Ciambella, candidata sindaco di ‘Per il Bene Comune’ e ‘Viterbo la Splendida’, sceglie piazza San Faustino per illustrare una scelta, che non esita a definire “coraggiosa”: il Mercato del Genio.

No al recupero come sala cinematografica “perché è antieconomico” e propone di destinarlo a un mercato di mezzo “sull’esempio di quelli che esistono nelle grandi città internazionali”.

“Il Mercato del ‘genio viterbese’ attrattore turistico, economico e culturale nel cuore della città per promuovere con il Genio Expo le migliori produzioni tipiche. Puntando sulla stagionalità, ogni mese sarà dedicato a un’eccellenza attorno a cui ruoteranno varie iniziative”.

Le declinazioni del Mercato sono varie: il Genio Forum “spazio per cultura, incontri ma anche luogo del degustare, del mangiare e bere all’insegna del Made in Tuscia”.

Il Genio Experience: “In un’epoca globalizzata occorre puntare su un’offerta ampia fuori dai campanilismi” rimarca la candidata sindaco. Con la creazione di percorsi turistici, basati sulle potenzialità della città e del territorio, e “sarà Viterbo a promuoverli distribuendo opportunità di crescita per tutti”.

Il Genio Mind: spazio alle idee dei giovani per elaborare un progetto artistico e culturale innovativo per raccontare la Tuscia.

La Ciambella spiega poi il Genio Family: “Un mercato accogliente e funzionale che possa essere vissuto da tutti, specialmente dalle famiglie”.

Un progetto ambizioso, suggerito da Roberto Chiavarini, per questo la candidata sindaco tiene a precisare: “un impegno da realizzare nei 5 anni di mandato”.

“Per noi il Mercato del Genio è una priorità ma non vi vendiamo fumo, una progettualità di questa portata – rimarca – non può essere banalizzata con un cronoprogramma”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui