Il museo? Meglio il carnaio in riva al mare. La cultura finisce in sala d’aspetto!

Pochi visitatori per i musei viterbesi. A Viterbo, la spiaggia vince sulla cultura

0
125
museo albornoz
Il museo della Rocca Albornoz
Segui
( 0 Followers )
X

Segui

E-mail : *

sagginiPensavamo che molte persone avrebbero approfittato di questo giorno festivo, unico per storia e tradizione, per stare lontani dalle spiagge affollate, e fare una visita “full immersion” nei nostri musei.

Siamo andati a verificare questo nostro pensiero al Museo Civico, quello per intenderci che sta a Piazza Crispi. Non abbiamo trovato, causa malattia, qualcuno con cui poter parlare, ma abbiamo trovato circa una decina di visitatori interessati e incantati, davanti alle pale di Sebastiano del Piombo e di altri superbi pennelli viterbesi. Nella tavola di Sebastiano del Piombo, ho fatto notare ai nostri visitatori, anche le pozze del Bullicame.

Non conoscevano il Bullicame, non sapevano che è l’unica fonte citata da Dante nella Commedia. Mi hanno promesso che appena usciti dal Museo, sarebbero andati al Bullicame. Noi invece appena usciti ci siamo recati in Piazza della Rocca al Museo Etrusco della Rocca Albornoz. Anche qui il responsabile con il quale poter parlare si trova a Roma e oggi: “Ma oggi è ferragosto!” mi fa l’addetto. E poi prosegue: “Però se passa domani……..” Faccio presente che per un giornale sul web il domani non esiste. Mi dicono però che i visitatori sono in diminuzione. I numeri di quest’anno sono nettamente inferiori a quelli dell’anno scorso.

Al suo interno alle ore 11,30 c’erano due sole persone. Insomma, la spiaggia con i vari panorami di corpi più o meno belli, più o meno abbronzati, più o meno scoperti, tira molto, ma molto di più. La cultura può accomodarsi in sala di attesa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here