Il positivo dove lo metto? Dove lo metto non si sa….

202

Non c’è pace a Belcolle: ogni giorno, inesorabile come una sentenza, si verifica un “caso strano” all’ospedale “più pazzo del mondo”…

L’ultimo, in ordine di tempo, vede protagonista un reparto tra i più bistrattati del nosocomio, l’SPDC (Servizio psichiatrico diagnosi e cura).

In corsia, diversi giorni fa, è arrivato un paziente urgente. Sottoposto al tampone è risultato negativo ed è stato quindi ricoverato per le cure necessarie.

Fin qui tutto liscio.

Il bello (si fa per dire, ovviamente) arriva nel momento delle dimissioni, quando l’ospite, sottoposto nuovamente a tampone, risulta stavolta positivo.

Immediato si scatena il rimpallo del paziente: a casa non può andare perchè convivente con genitori anziani che quindi sarebbero esposti a rischio, a Malattie Infettive rifiutano il ricovero.

Tutti si lavano le mani e nessuno si prende la responsabilità di accettare un positivo che alla fine rimane dunque in carico al SPDC.

La presenza del paziente, tenuto isolato in una stanza, impedisce, tra l’altro, il ricovero di altri malati psichiatrici che rimangono “parcheggiati” al Pronto Soccorso.

Alla fine, dopo diversi tira e molla, durati quasi una settimana, ieri pomeriggio il positivo è stato preso in carico da Malattie Infettive.

Una situazione, insomma, ai limiti dell’inverosimile, ma tant’è, siamo a Belcolle, l’ospedale più pazzo del mondo.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui