IL VIP HÄNDEL AI POMERIGGI TOURING

97

Roberta Aniello (Musicologa e pianista) e Barbara Aniello (Storica dell’arte e violoncellista) ci parleranno di Georg Friedrich Händel e del suo soggiorno a Vignanello nel prossimo ed ultimo appuntamento dei Pomeriggi Touring fissato per venerdì 27 maggio alle ore 16,30 presso la Sala Assemblee della Fondazione Carivit in via Cavour a Viterbo (ingresso libero e mascherina ffp 2).

Nel 1706, un Händel giovanissimo, poco più che ventenne, giunse Italia per perfezionare i suoi studi specialmente nel melodramma, un genere teatrale e musicale di grande attualità e molto di moda presso le corti europee del tempo. Soggiornò soprattutto a Venezia e Roma. I contatti con Arcangelo Corelli ed Alessandro Scarlatti gli valsero molti punti per rapportare la sua vena musicale d’’impronta Sassose ai più miti e suadenti motivi della tradizione italiana cui rimase sempre fedele. A Roma si fece subito notare per l‘abilità nel suonare gli organi delle varie chiese che gli procurò molti favori da parte dei mecenati di allora.
Uno di questi, Francesco Maria Ruspoli, l’ospitò a lungo nel suo palazzo romano (a quel tempo palazzo Bonelli, oggi Valentini in piazza SS. Apostoli)) e in quello estivo di Vignanello all’ombra dei secolari castagneti dei Cimini. Qui il giovane Händel potrebbe aver composto l’antifona del Salve Regina per soprano solo, archi, organo e basso continuo la cui esecuzioni in anteprima del 18 giugno 1707 ci piace collocarla nella chiesa della Madonna del Ruscello della vicina Vallerano il cui organo datato XVII secolo era particolarmente adatto alla cantata. Certamente su quello strumento aveva già messo le mani qualche giorno prima quando per la festa di Sant’Antonio da Padova di quel 1707, fece ascoltare al suo mecenate due composizioni fresche di stesura, la sonata Coelestis dum spirat aura ed il Mottetto O qualis de caelo sonus .
Un’altra serata memorabile – questa volta certificata – fu quella con l’esecuzione a Vignanello durante una celebrazione liturgica del Gloria per soprano due violini e basso continuo, commissionatogli dallo stesso nel 1707. Brano di ottima qualità musicale tra i i migliori lavori sacri del giovane Händel.
“Chiudiamo in musica – ha commentato Vincenzo Ceniti, Console Touring e promotore dei Promeriggi – dopo una carrellata di Vip che attraverso i secoli si sino rapportati con Viterbo. Abbiamo parlato di Francesco Petrarca (Capranica), Luigi Pirandello (Soriano nel Cimino), Francesco Borromini (San Martino al Cimino), Corrado Alvaro (Vallerano), Giorgio Capitani (Viterbo), Ettore Petrolini (Ronciglione) e da ultimo Georg Friedrich Händel (Vignanello). Ringrazio tutti i relatori per la loro disponibilità: Stefano Pifferi, Rino Galli, Marco Zappa, Giorgio Nisini, Simona Tartaglia, Franco Petrolini e le sorelle Roberta e Barbara Aniello. Vado con i ricordi a quella sera memorabile del 18 agosto di vent’anni fa, nel 2002, allorquando in occasione del Festival Barocco organizzammo il Concerto per i reali fuochi di artificio di Handel nel giardino di palazzo Ruspoli a Vignanello”.
Touring Club

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui