Immuni, quante segnalazioni per la app più odiata dagli italiani?

219

La app più odiata dagli italiani.

Immuni, applicazione di contact tracing ideata in tandem dai ministeri della Salute e dell’Innovazione si sta rivelando un vero e proprio flop annunciato.

Preceduta da un mare di polemiche e resa disponibile solo a partire dal 15 giugno, quindi in una situazione di contagio quasi inesistente, Immuni, ad oggi, non ha superato i 4 milioni di download.

Un dato dunque irrisorio a fronte del 60% richiesto per una reale efficacia del tracciamento.

In proporzione ha avuto molto più successo la analoga app messa a disposizione dalla Lombardia, AllertaLom, che, stando ai dati di metà giugno, sarebbe stata scaricata da 1,3 milioni di persone.

A livello regionale la concorrenza ad Immuni è alquanto agguerrita.

Oltre alla Lombardia, infatti, si sono lanciate nel tracciamento anche la  Sicilia con SiciliaSiCura, e la Sardegna con SardegnaSicura, disponibile dal 12 giugno soprattutto per i turisti in arrivo nell’isola.

A fronte di questo fiorire di app anti contagio però, ancora non è ben chiaro, anzi non lo è affatto, su come sarà trattato un utente che riceve una notifica di contatto a rischio.

Ad oggi cosa succederà di preciso a chi sarà allertato?

Al riguardo, le informazioni scarseggiano sia nell’app che sul sito stesso di Immuni.

L’unica certezza, insomma, è la confusione che la app ha suscitato, sia prima della sua disponibilità che dopo la sua immissione sul mercato.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui