Impianto geotermico di Bolsena, Rotelli (Fdi): “Il lago potrebbe diventare uno scarico abusivo di fluidi cangerogeni”

Il rischio che l'impianto geotermico pilota di Castel Giorgio possa diventare una bomba a orologeria per l'ambiente è palpabile

158
mauro rotelli
Mauro Rotelli, deputato di Fratelli d'Italia

Sulla realizzazione dell’impianto geotermico pilota di Castel Giorgio, comune umbro molto vicino al Lago di Bolsena, interviene anche l’Onorevole Mauro Rotelli (FdI). La preoccupazione, evidenziata già da molti sindaci della zona, è rappresentata dall’elevato potenziale inquinante della struttura, che potrebbe riversare nelle acque sostanze cancerogene, provocando un gravissimo danno ambientale e minando alla salute di tutti gli abitanti.

“Subito un question time in Commissione Ambiente per avere, al più presto, risposte chiare dai sottosegretari e dal Ministro riguardo la prossima realizzazione dell’impianto geotermico pilota di Castel Giorgio (Tr).

Se si concretizzasse tale ipotesi, assisteremmo ad un vero e proprio scempio del nostro territorio, caratterizzato dalla vocazione agricola e naturalistica.

Il pericolo è che il lago di Bolsena diventerebbe uno scarico abusivo di fluidi geotermici altamente cancerogeni, senza alcuna preventiva approvazione, tra l’altro, né della Regione Lazio né del Comune di Bolsena.

Per dare una risposta a tutti questi interrogativi e fare chiarezza su un progetto che va a compromettere il futuro del nostro lago, il mio impegno è, sin da subito, quello di sgombrare ogni dubbio nelle sedi opportune. “

Mauro Rotelli – deputato Fratelli d’Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui